060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Teatro » Me vojo sarvà - Nessuno ci guarda
Data: da 02/12/23 a 03/12/23

Orario

Sabato 2 dicembre 2023 ore 21.00
e domenica 3 dicembre ore 17.00

 

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Via Ostuni, 8
Zona: Quartiere Alessandrino (Roma est)
Tra Via Prenestina e Viale Palmiro Togliatti

Contatti

Descrizione

Di e con Eleonora Danco

Eleonora Danco è autrice, regista, performer teatrale e cinematografica.

Nel 2014 ha esordito con il suo primo docufilm “N-Capace”, vincitore di due menzioni speciali al Film Festival di Torino, prodotto dai Rai Cinema e Mibact.

A teatro, con i suoi testi, immortala stati d’animo universali che folgorano critica e pubblico, da due decenni e mezzo. I suoi spettacoli, influenzati dalla pittura e dai tempi travolgenti della vita vera, sono accomunati dall’unicità di rispecchiare il mondo e le anime in pena che lo popolano. 

Tra la poesia e lo slang, il dramma e la comicità, i suoi scritti corsari, pubblicati nel 2009 in “Ero purissima” da Minimum Fax e nel 2022 da Giulio Perrone in “Tempi Morti”, immortalano stati d’animo universali che folgorano la critica e il pubblico, da due decenni e mezzo.

Al teatro Quarticciolo, in questo nuovo allestimento di Me vojo sarva’ e Nessuno ci guarda, Eleonora Danco presenta sotto forma di lettura performativa, una versione cruda e diretta dei suoi cavalli di battaglia. Senza cambi luce e musiche, armata solo di un leggio come fosse un basso elettrico, trasportando lo spettatore in un  flusso continuo e vorticoso. Tra risate e commozione. 

Il primo, Me vojo sarva’, è un atto unico che, con l’uso del dialetto romano e dei personaggi carpisce quello che si muove dentro l’anima e le strade della periferia. 

Il secondo, Nessuno ci guarda, ispirato a Otto e mezzo di Federico Fellini e alle opere di Jackson Pollock, tratteggia, tramite flashback i condizionamenti dell’educazione ricevuti nell’infanzia, nella vita adulta.

L’infanzia è il momento del volo, delle mille possibilità, delle cose che devi fare per forza e quelle che puoi fare di nascosto. L’energia può diventare incontenibile. Ho avuto un rapporto molto conflittuale e di ribellione con i miei genitori e sono come rimasta impigliata per molto tempo, in quel tempo.

di Eleonora Danco
musiche scelte da Marco Tecce
costumi Marisa Di Mario
disegno luci e regia Eleonora Danco

Il programma potrebbe subire variazioni

Parole chiave

Data di ultima verifica: 16/11/23 12:38