060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Beni culturali » Musei » Nuovo museo del Foro Romano
Tipologia: Museo archeologico

Indirizzo

Indirizzo: Piazza di Santa Francesca Romana, 4
Zona: Rione Campitelli (Foro Romano- Campidoglio-P.Venezia) (Roma centro)

Contatti

Telefono: 06 39967700 Coopculture (tutti i giorni dalle 10.00 alle 17.00)

Orario

Aperto tutti i giorni
Dalle ore 9.00 alle ore 16.00 (ultimo ingresso 15.30)
Chiuso 1 gennaio e 25 dicembre

Visitabile con i biglietti:
> 24h – Colosseo, Foro Romano, Palatino
> Full Experience con accesso all'Arena del Colosseo
> Forum Pass Super - Percorso di visita unitario Foro Romano-Palatino e Fori Imperiali

Informazioni

Il Museo del Foro Romano si trova all’interno del complesso di Santa Maria Nova.
Entrando dal varco dell’Arco di Tito, l’edificio si trova sulla destra rispetto all’arco;
entrando dal varco di Largo della Salara Vecchia, è necessario percorrere per intero la via Sacra sulla cui sommità l’edificio è ben visibile.

Modalità di partecipazione: Prenotazione obbligatoria

Prenotazione

» Obbligatoria

Descrizione

Il Museo del Foro è allestito al piano terra del Chiostro di Santa Maria Nova con un percorso espositivo che riunifica e valorizza in particolare i contesti del Foro Romano scavati dall’archeologo/architetto Giacomo Boni agli inizi del Novecento.

Il primo Antiquarium del Foro è stato istituito da Boni nel 1908 nei locali del Convento di Santa Francesca Romana/Santa Maria Nova, costruzione voluta da Alessandro VI tra il 1492 ed il 1503 con lo scopo di presentare al pubblico i risultati delle ricerche condotte in quegli anni nell’area del Foro Romano. L’Antiquarium, costituito da nove sale espositive, sarebbe dovuto diventare un centro culturale di ricerca e di studi. Nella presentazione dei materiali archeologici esposti fu rispettata l’integrità dei complessi riportati in luce, in base alla convinzione che i singoli reperti conservano il loro valore storico-archeologico solo se esposti all’interno del contesto di provenienza.
Nel corso del tempo la collezione dell’Antiquarium fu ampliata con l’esposizione di materiali recuperati dalle indagini di Dante Vaglieri, Alfonso Bartoli, Pietro Romanelli e Gian Filippo Carettoni.

Parole chiave

Servizi

» Accessibile ai disabili

All'interno di

Cultura e svago › Beni culturali › Beni archeologici
Cultura e svago › Beni culturali › Beni archeologici

Vedi anche

Cultura e svago › Beni culturali › Beni archeologici
Cultura e svago › Luoghi di culto di interesse storico-artistico › Chiese cattoliche
Data di ultima verifica: 13/11/23 16:53