060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Beni culturali » Beni archeologici » CHIUSO - Ludus Magnus

CHIUSO - Ludus Magnus

Tipologia: Monumenti

Indirizzo

Indirizzo: Via Labicana
Zona: Rione Monti (Colosseo-S.Giovanni-S.Maria Maggiore) (Roma centro)
Ingresso al monumento: inizio via Labicana angolo piazza del Colosseo

Contatti

Prenotazione telefonica: 060608 tutti i giorni ore 9.00-19.00

Orario

LE PRENOTAZIONI SONO TEMPORANEAMENTE SOSPESE

L'ingresso al monumento è consentito solo a gruppi accompagnati su prenotazione. Max 30 persone a visita. La visita guidata, che è a cura di associazioni culturali, deve essere concordata direttamente con l'associazione culturale. Gruppi e associazioni culturali possono prenotare allo 060608 (tutti i giorni 9.00 - 19.00).

Chiuso lunedì, 1 gennaio, 1 maggio e 25 dicembre.

Informazioni

Attualmente chiuso al pubblico

Tariffe:
Intero € 4,00
Ridotto € 3,00
I possessori della MIC card hanno diritto all’ingresso gratuito

La prima domenica del mese l'ingresso ai monumenti del territorio è gratuito per tutti.

Condizioni di gratuità e riduzioni

Nel costo del biglietto non è compresa la visita guidata, a cura delle associazioni culturali.

L'edificio è visibile anche dall'alto da via Labicana e via di S. Giovanni in Laterano.
Gli ambienti del sottocavea non sono agibili.

Prenotazione

» Obbligatoria
» Telefonica

Descrizione

Il Ludus Magnus si trova nella valletta tra il Colle Oppio ed il Celio e la parte attualmente visitabile è compresa tra Via Labicana e Via di San Giovanni in Laterano. Tale area venne scavata nel 1937, in parte, e successivamente, nel 1960, quando si provvide anche alla definitiva sistemazione del complesso.Il Ludus Magnus ebbe una tale collocazione topografica perché costruito in funzione degli spettacoli da tenersi nell'Anfiteatro Flavio (Colosseo). 

Per facilitare i collegamenti, si misero in diretta comunicazione i due edifici tramite una galleria che, partendo dai sotterranei dell'Anfiteatro, con accesso largo m. 2,17, raggiungeva il Ludus presso l'angolo sud-ovest. Al centro dell'impianto del Ludus Magnus, che si sviluppava almeno su due piani, era un arena ellissoidale in cui si esercitavano i gladiatori, circoscritta dalle gradinate di una piccola cavea, destinata a contenere un numero limitato di spettatori, che era inserita in un quadriportico (di m. 100 circa di lato) con colonne in travertino su cui si aprivano una serie di ambienti perimetrali riservati all'alloggio del gladiatori ed ai servizi per gli spettacoli.

Il monumento è il risultato di più fasi edilizie: sono state rinvenute sotto il piano dell'arena una serie di strutture da riferire ad epoca repubblicana ed augustea, mentre a Domiziano si deve la costruzione del "Ludus" vero e proprio, con il cortile rettangolare e le tabernae, un portico a colonne e l'arena ellittica con la cavea. Tra il II ed il IV secolo furono eseguite varie ristrutturazioni: Traiano fece sopraelevare tutto il complesso, compresa l'arena; più tardi lavori furono eseguiti anche sotto Odoacre. La vita del Ludus Magnus si conclude con quella dell'Anfiteatro Flavio.

Parole chiave

All'interno di

Cultura e svago › Beni culturali › Beni archeologici

Convenzionato con

Accoglienza › Servizi › Servizi turistici
Data di ultima verifica: 09/06/20 09:28