060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Beni culturali » Beni architettonici e storici » Palazzo Carpegna

Palazzo Carpegna

Tipologia: Edifici

Indirizzo

Indirizzo: Piazza dell'Accademia di San Luca, 77
Zona: Rione Trevi (Quirinale-Tritone-Barberini) (Roma centro)

Orario

Il Palazzo ospita l'Accademia Nazionale di San Luca

Descrizione

L’edificio deve la sua fama e la sua fortuna critica all’intervento di Francesco Borromini, che tra il 1643 e il 1650, su commissione prima di Ambrogio, poi del cardinale Ulderico Carpegna, trasformò l’originario corpo di fabbrica tardo cinquecentesco, ampliato e ridefinito nel primo Seicento da Pietro Eschinardi, nell’edificio attuale.
Con l’estinzione della discendenza diretta dei Carpegna, interrottosi nel 1731, con la morte di Ulderico, principe di Scavolino, il palazzo fu ereditato dal marchese Emilio Orsini de’ Cavalieri Sannesi, che tra il 1732 e il 1736 ne affidava il completamento e l’adeguamento strutturale all’architetto Francesco Ferrari. Passato successivamente in proprietà delle famiglie Patrizi Naro e Colligola Monthioni, dalla metà dell’Ottocento fino al 1882 ospitò la famiglia di Luigi Pianciani, primo Sindaco di Roma dopo l’Unità d’Italia.
Nonostante le trasformazioni subite tra il secolo XVIII e il secolo XIX per adattare la fabbrica inizialmente in palazzo da affitto, successivamente in convento e in sede di uffici, dell'intervento di Borromini rimangono il portico a pianterreno - parzialmente modificato da Francesco Ferrari con la chiusura della prima campata di sinistra, aperto verso via della Stamperia e la Fontana di Trevi - e la rampa elicoidale di collegamento con il primo e il secondo piano nobile sovrastante. Alla rampa si accede tramite il portale riccamente decorato da stucchi e collocato in asse con l’ingresso principale, che lo inquadra visivamente, proiettandone l’immagine sulla piazza esterna. Sono andati invece perduti gli stucchi che decoravano gli ingressi interni agli appartamenti superiori.
L’odierna veste architettonica del palazzo è conseguente al radicale intervento intrapreso tra il 1933 e il 1934 sotto la direzione di Gustavo Giovannoni e Arnaldo Foschini, per adattare il palazzo a sede dell'Accademia di San Luca.
Nella nuova sede, inaugurata il 24 aprile 1934, gli ambienti al piano terreno sono destinati ad ospitare esposizioni d’arte e di architettura; alcuni spazi sono dedicati alla custodia delle collezioni e dei fondi di disegni accademici e di libri.
Il portico conduce nel cortile interno e, tramite la rampa elicoidale decorata dal borrominiano portale a stucchi, ai piani superiori, raggiungibili anche tramite lo scalone interno, sistemato durante i restauri del primo Novecento.
Al primo piano nobile sono situate la Presidenza e gli uffici di Segreteria, la Sala conferenze e la Sala del Consiglio. Al piano superiore sono la Biblioteca Romana Sarti, l’ Archivio Storico e gli uffici amministrativi. Il terzo e ultimo piano ospita infine la Galleria e il locale blindato dove sono conservati i dipinti non in esposizione.
Ospita l'Accademia Nazionale di San Luca.

Vedi anche

Cultura e svago › Istituzioni culturali › Accademie e istituti
Data di ultima verifica: 17/10/16 11:27