060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Visite guidate e didattica » Sulle tracce di Traiano
Data: 07/10/18

Orario

Domenica 7 ottobre 2018
ore 11.00

Durata: 90 minuti
Massimo partecipanti: 25 PAX

Appuntamento alla biglietteria

 

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Via Quattro Novembre, 94
Zona: Rione Trevi (Quirinale-Tritone-Barberini) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Prenotazione obbligatoria entro le ore 13.00 del sabato

Modalità di prenotazione
E-mail: didattica@munus.com  
Tel. 06/44239949 – 333/9533862 – 339/2990169  337/373414
Sito web: www.munus.com  
 

Modalità di partecipazione: Prenotazione obbligatoria

Contatti

Telefono: 0039 060608 dalle 9.00 alle 19.00
Email: eventi.aziendali@zetema.it per eventi aziendali privati

Descrizione

Visita per adulti e famiglie con ragazzi dagli 8 anni

In occasione dei 1900 anni dalla morte di Traiano una grande mostra ripercorre la figura di Traiano come “costruttore” di quell’impero che ha creato una comune base europea. La mostra è allestita all’interno dei Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali, una delle strutture architettoniche più note tra le molte lasciate a Roma e nel resto dell’impero dall’”optimum princeps”, il migliore degli imperatori.

Ritratti di Traiano e della sua famiglia, statue, decorazioni architettoniche, modelli ricostruttivi reali o virtuali, monete, calchi della Colonna Traiana, filmati,  ricostruiscono la figura di Traiano come conquistatore che portò l’impero alla sua massima espansione, come sovrano con grande capacità di gestire la macchina statale e di occuparsi delle necessità sociali del suo popolo, come rimodellatore della città di Roma. I plastici in scala provenienti dal Museo della Civiltà Romana offrono un’immagine delle costruzioni traianee, mentre un filmato permette di “visitare” la Privata Traiani domus, il complesso edilizio affrescato rinvenuto sull’Aventino, che molti studiosi ritengono essere l’abitazione privata di Traiano prima che divenisse imperatore e che non è altrimenti visitabile se non calandosi in un tombino con attrezzature da speleologi.
Due lastre di un fregio con amorini e grifoni, per vicende collezionistiche suddivise tra i Musei Vaticani e Berlino e gli stucchi dorati dalla villa di Traiano imperatore ad Arcinazzo forniscono l’immagine dei livelli di raffinatezza e lusso degli edifici imperiali dell’epoca.
Una sezione dedicata  alle donne della famiglia di Traiano, colte e impegnate, il cui ruolo fu onorato da Traiano sia con emissione di monete a loro intitolate sia con l’attribuzione del titolo di Augusta e la divinizzazione dopo la morte, sottolinea l’influenza e l’importanza di queste figure durante il regno di Traiano.
Durante il percorso l’attenzione dei visitatori sarà richiamata anche sulla struttura stessa dei Mercati di Traiano, tra le più evidenti persistenze dell’architettura voluta dall’imperatore a Roma, che testimoniano, con il succedersi delle murature di epoche diverse, il loro perdurare di uso pur nei mutamenti di funzione.

Parole chiave