060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Visite guidate e didattica » Ricerche verbovisuali nella neoavanguardia italiana. Roma Racconta
Data: 09/06/22

Orario

Giovedì 9 giugno 2022
ore 16.30

Ospitato in

Indirizzi

Indirizzo: Piazza di San Pantaleo, 10
Zona: Rione Parione (Navona-Campo de' Fiori) (Roma centro)
Indirizzo: Piazza Navona, 2
Zona: Rione Parione (Navona-Campo de' Fiori) (Roma centro)

Informazioni

Incontro gratuito e entrata gratuita solo nell’area prevista per l’incontro.
Il Museo di Roma può essere visitato con biglietto di ingresso secondo tariffazione vigente.
L’ingresso alla conferenza è possibile previa presentazione di un TITOLO DI ACCESSO da esibire all’entrata dove viene consegnato un bollino per l’ingresso al Museo.
TITOLI DI ACCESSO validi:
Locandina
Roma racconta. Programma maggio - giugno 2022
Ricevuta di prenotazione effettuata allo 060608.

CONSULTA SEMPRE LA PAGINA AVVISI prima di programmare la tua visita al museo.

Info e prenotazioni allo 060608 (tutti i giorni ore 9.00 - 19.00)

IN PRESENZA la prenotazione è consigliata fino ad esaurimento posti disponibili.
PER PARTECIPARE ONLINE la prenotazione è obbligatoria.
A conferma della prenotazione verrà inviata una mail con il link di accesso.
Per chi desidera partecipare on line SU PIATTAFORMA GOOGLE SUITE si suggerisce di entrare con il browser Google Chrome.
Qualora si partecipi online e si desideri ricevere l’attestazione ai fini del riconoscimento dei CFU e per l’aggiornamento docenti è necessario entrare nell’aula virtuale presentandosi con il proprio nome e cognome completo. A conclusione dell’appuntamento l’attestato può essere richiesto all’indirizzo info_didatticasovraintendenza@comune.roma.it indicando i propri dati anagrafici e i riferimenti del corso di studi intrapreso.
Senza queste informazioni non sarà possibile rilasciare gli attestati.
 
CREDITI FORMATIVI

PER DOCENTI DI SCUOLA
Il programma è valido per la formazione e l’aggiornamento del personale della scuola sulla piattaforma S.O.F.I.A. del MIUR.
Le iniziative formative saranno attivate nel Catalogo della piattaforma (soggetto erogatore dell’iniziativa: Sovraintendenza Capitolina ai Beni Culturali).
É previsto il rilascio di un attestato di partecipazione valido per la formazione e l’aggiornamento docenti
 
PER STUDENTI UNIVERSITARI
- SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA

La partecipazione a 5 incontri, attestata, dà diritto al riconoscimento di 2 CFU agli studenti dei Corsi di: Studi storico-artistici (triennale); Storia dell’arte (magistrale).
La partecipazione a 5 incontri, attestata, dà diritto agli studenti dei Corsi di Scienze Storiche (Medioevo - Età Moderna - Età contemporanea/magistrale) al riconoscimento di 2 CFU previa presentazione ai docenti di una relazione di 2-3 cartelle per ciascun incontro.
La partecipazione a 3/6/9/ecc. incontri, attestata, con relazione dà diritto al riconoscimento di 2/4/6/ ecc. CFU agli studenti dei Corsi di: Letteratura, Musica e Spettacolo (triennale); Lettere Moderne (triennale).
La partecipazione a 6/12/18 incontri, attestata, con tesina dà diritto al riconoscimento di 2/4/6 CFU agli studenti del Corso di Filologia Moderna (magistrale).
- UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA
La partecipazione a 9 incontri, attestata, dà diritto agli studenti del Corso triennale in Beni Culturali (Archeologici, Artistici, Musicali e dello Spettacolo) al riconoscimento di 3 CFU.
Gli studenti possono partecipare anche soltanto a 3 o 6 incontri con il riconoscimento rispettivamente di 1 o 2 CFU.
- UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE
La partecipazione a 6 incontri, attestata, dà diritto al riconoscimento di 2 CFU agli studenti dei Corsi di: Scienze dell'Architettura (triennale); Architettura-Progettazione architettonica (magistrale); Architettura-Progettazione urbana (magistrale); Architettura-Restauro (magistrale).
- ACCADEMIA DI BELLE ARTI
La partecipazione ad 8 incontri, attestata, dà diritto agli studenti al riconoscimento di 2 CFU.

Contatti

Telefono: 060608 tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00; libreria 06 68193002
Email: museodiroma@comune.roma.it ed eventi.aziendali@zetema.it per eventi aziendali privati

Descrizione

Incontro in presenza e online a cura di Daniela Vasta e Lamberto Pignotti nell'ambito di Roma racconta... Educare alle mostre educare alla città.

Nella stagione delle neoavanguardie, a partire dagli anni Cinquanta, il movimento della Poesia Visiva sperimenta – a partire da alcuni spunti già presenti nel Futurismo, nel Dadaismo e nel Surrealismo – la possibile ibridazione fra la parola e l’immagine, fra la poesia e le arti visive. Si analizzano alcuni degli elementi fondanti della poetica e dell’estetica verbovisuali, tracciando uno sviluppo storico, analizzando le teorie e le prassi promosse in Italia dai poeti visivi. Si approfondiscono poi in particolare le personalità di Lamberto Pignotti (Firenze, 1926), cofondatore con Eugenio Miccini del Gruppo 70, e di alcuni dei principali esponenti della Poesia visiva italiana, soffermandosi su alcune opere di recente acquisizione delle collezioni capitoline di arte contemporanea.
Con la partecipazione di Lamberto Pignotti, artista e critico, cofondatore del Gruppo 70.

Daniela Vasta (Catania 1977) è curatore storico dell’arte presso la Galleria d’Arte Moderna di Roma, dove è responsabile della didattica. Si è laureata in Lettere Moderne all’Università di Catania (2002); nel 2005 ha conseguito il diploma presso la Scuola di specializzazione in Storia dell’arte dell’Università Cattolica di Milano e nel 2009 il Dottorato di ricerca presso l’Università di Catania.
È autrice delle monografie La pittura sacra in Italia nell’Ottocento (Gangemi, Roma 2012), Canonicus fecit. Le incisioni di Pietro Annigoni negli anni Trenta (Duetredue, Siracusa 2018), Storie di incisori. Opere e protagonisti della grafica moderna e contemporanea (Gangemi, Roma 2019) e Verso la Poesia Visiva. Opere inedite di Lamberto Pignotti (Duetredue, Siracusa 2018), oltre che di numerosi articoli, saggi, cataloghi di mostra.

Lamberto Pignotti (Firenze 1926), dopo avere esordito come saggista e critico per varie riviste italiane e straniere, nei primi anni Sessanta teorizza le prime forme di “poesia tecnologica” e “poesia visiva”, di cui cura nel 1965 la prima antologia. Nel 1963 fonda, con altri artisti e critici, il “Gruppo 70” e partecipa pochi mesi dopo alla formazione del “Gruppo 63”. Dal 1971 al 1996 ha insegnato alla Facoltà di Architettura di Firenze e al DAMS della Facoltà di Lettere di Bologna. La sua opera artistica rapporta segni e codici di diversa provenienza, con un approccio multimediale e sinestetico, dando luogo a happening e performance, “cine-poesie”, poesie da toccare/bere/mangiare e soprattutto alle celebri “poesie visive” sotto forma di collage o di intervento su foto di cronaca, di moda, di pubblicità.
www.lambertopignotti.it

Parole chiave