060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Visite guidate e didattica » Parco degli Acquedotti - Ars in urbe
Data: 06/03/21

Orario

Sabato 6 Marzo 2021 dalle 16.00 alle 18.00
Appuntamento 15 minuti prima dell'inizio della visita.
La visita terminerà in viale Appio Claudio

 

Fermata metro più vicina: Lucio Sestio

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Via Lemonia
Zona: Quartiere Appio Claudio (Roma sud)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza
Appuntamento all'angolo con Via Valerio Publicola

Informazioni

A persona: € 10,00
Il contributo per la visita guidata (compresa la radioguida ed offerta) è di: 10 € per i Soci e Convenzionati; 15 € per i NON Soci che si assoceranno. Per i ragazzi, accompagnati da un adulto, fino a 11 anni la visita è gratuita (3 € per la radioguida ed offerta) mentre dai 12 a 18 anni è di 10 €. 
MODALITÀ DI PRENOTAZIONE  Le prenotazioni sono Obbligatorie, si possono effettuare chiamando o mandando un sms (anche whatsapp) al 3299740531 oppure scrivendo un e-mail segreteria.arsinurbe@gmail.com. Gli Orari Segreteria sono: Lunedì CHIUSO / Martedì-Domenica 11:00-13:00 / 16:00-18:00. Bisogna indicare la data e il titolo della visita, nome e cognome di chi effettua la prenotazione, nr. di partecipanti (specificando eventuale età di bambini, convenzioni o riduzioni), nr. di cellulare e indirizzo mail.

Modalità di partecipazione: Prenotazione obbligatoria

Contatti

Sito web: www.arsinurbe.org
Cellulare: 3299740531

Descrizione

"In distanza gli acquedotti cadenti procedevano, camminando a grandi passi sulla pianura, nel loro gigantesco corso. E ogni alti do vento che giungeva fino a noi agitava i fiori e le erbe più precoci, che crescevano spontanee su quelle miglia e miglia di rovine. Le invisibile allodole sopra di noi che, sole, disturbavano il pauroso silenzio, avevano i loro nidi tra le rovine. E i truci mandriani, vestiti di pelle di pecora, che di tanto in tanto ci guardavano minacciosi dai recessi in cui dormivano, abitavano nelle rovine”. Così Charles Dickens descrive quel tratto di campagna romana che a metà dell’Ottocento era dominato dai resti degli acquedotti romani. Ancora oggi il parco è caratterizzato dalle rovine dell’Acquedotto Claudio e dell’Acquedotto Marcio, che corrono paralleli a una vita Latina scomparsa da tempo, ma che in età imperiale era fiancheggiata da tombe monumentali ed estese ville rustiche. La visita, che inizierà dalla Villa delle Vignacce, si snoderà lungo gli antichi acquedotti analizzandone la tecnica costruttiva e toccando alcuni dei monumenti giunti fino a noi grazie alla loro trasformazione in età medievale e rinascimentale, fino ad arrivare al lunghissimo e scenografico tratto superstite dell’Acquedotto Claudio.

Parole chiave

A cura di

Cultura e svago › Istituzioni culturali › Strutture culturali
Data di ultima verifica: 28/01/21 12:45