060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Visite guidate e didattica » Il tempio del Sole, i vina fiscalia e l’area della chiesa di San Silvestro in Capite - Spazio Libero
Data: 27/01/19

Orario

Domenica 27 Gennaio  2019 ore 15.30

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Piazza di San Silvestro, 17
Zona: Rione Trevi (Quirinale-Tritone-Barberini) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

A persona: € 9,00

Visita € 9,00 + offerta
La prenotazione è obbligatoria: tel. 06/70454544 info@spazioliberocoop.itiprenotazioni@spazioliberocoop.it
Il programma è disponibile anche su: www.spazioliberocoop.it e FB Vivere Roma
N.B. MIC CARD, la MIC card è acquistabile nei musei, nei Tourist Infopoints e online all’indirizzo miccard.museiincomuneroma.it ha un costo annuale di € 5,00 e consente l’ingresso gratuito per i residenti nei musei del Comune di Roma.

Modalità di partecipazione: Prenotazione obbligatoria

Contatti

Telefono: 0039 06 70454544
Fax: .

Descrizione

 La piazza sorge sull'area anticamente occupata dal "Tempio del Sole", costruito da Aureliano nel 273 d.C. dopo la conquista di Palmira. Era formato da due grandi cortili porticati, collegati tra loro da una sala quadrangolare: il primo cortile aveva le pareti ornate da due ordini di nicchie inquadrate da semicolonne, mentre il secondo aveva al centro un tempio rotondo con un giro di 16 colonne. Nei portici venivano custoditi i "vina fiscalia", ossia il vino destinato alle distribuzioni gratuite. La piazza prende il nome dalla chiesa omonima sorta sui resti della casa dei due fratelli pontefici Stefano II e Paolo I nell'VIII secolo: per questo motivo la piazza, nell'alto Medioevo, era denominata, con un vocabolo mezzo greco e mezzo latino, "Catapauli", ossia "presso (la casa) di Paolo". La chiesa di S. Silvestro è detta "in Capite" perché vi si conserva la testa di S. Giovanni Battista, preziosamente custodita in una splendida teca del '300. Oggi la piazza è più nota per la presenza del palazzo delle Poste e Telegrafi, realizzato nel 1878 dall'architetto Giovanni Malvezzi con facciata di Luigi Rosso, definita "la più bella Posta d'Italia" che ci riconduce ai fasti della Belle Epoque a Roma.
Visita guidata a cura di Laura Angelelli

Parole chiave

A cura di

Cultura e svago › Istituzioni culturali › Strutture culturali
Data di ultima verifica: 10/01/19 14:27