060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Visite guidate e didattica » Donne: modelle, artiste, mogli nell’arte dell’Otto e Novecento alla Galleria d’Arte Moderna a cura di Anna Livia Villa
Data: 24/04/19

Orario

Mercoledì 24 aprile 2019 ore 16.30

Ospitato in

Indirizzi

Indirizzo: Via Francesco Crispi, 24
Zona: Rione Campo Marzio (P.Spagna-P.Popolo-Pincio) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza
Ingresso disabili: Via Zucchelli, 7
Zona: Rione Colonna (Pantheon-Montecitorio-Barberini) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza
E’ necessario richiedere l’apertura dell’accesso disabili, citofonando in via Crispi, 24 oppure telefonando ai numeri della Galleria: 06 4742848; 06 4742909

Informazioni

Incontro gratuito, con pagamento del biglietto d’ingresso al museo secondo tariffazione vigente

Informazioni e prenotazioni
Tel. 060608 (tutti i giorni 9.00-19.00)

Modalità di partecipazione: Prenotazione obbligatoria

Contatti

Descrizione

La mostra in corso offre l’occasione di conoscere e approfondire l’identità delle figure femminili che hanno ispirato gli artisti. Affiorano, quindi, le storie personali, a volte curiose e intriganti che ci restituiscono la realtà del contesto storico e delle relazioni intercorse con i pittori.

Veniamo a contatto con un mondo al femminile costituito da modelle che spesso diventano le mogli degli artisti o in alcuni casi si emancipano dalla condizione passiva di “oggetti” da ritrarre per divenire artiste esse stesse. Donne del popolo o aristocratiche che svelano le loro personalità spesso dimenticate a favore degli uomini che le ritrassero.

Un percorso che si snoda tra la fine dell’Ottocento e gli anni Sessanta del Novecento selezionando le immagini di donne che da anonime modelle acquistano una loro realtà immerse nella vita artistica o familiare del tempo. Da Maria Hardouin, moglie di Gabriele D’Annunzio a Elisa Marcucci moglie e musa ispiratrice di Giacomo Balla, le donne ritratte acquistano concretezza e vitalità.

Parole chiave