060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Teatro » When the rain stops falling
Data: da 17/03/20 a 22/03/20

Orario

dal 17 al 22 marzo 2020 

martedì e venerdì - ore 21.00
mercoledì e sabato - ore 19.00
domenica - ore 17.00

La programmazione potrebbe subire modifiche o annullamenti. Si consiglia di verificare il sito e/o la pagina facebook del teatro.

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Largo di Torre Argentina, 52
Zona: Rione Pigna (Torre Argentina) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Modalità di partecipazione: Prenotazione consigliata

Contatti

Descrizione

When the rain stops falling
Quando la pioggia finirà

testo di Andrew Bovell
da un progetto di lacasadargilla
regia Lisa Ferlazzo Natoli
traduzione Margherita Mauro
con Caterina Carpio, Marco Cavalcoli, Lorenzo Frediani, Tania Garribba, Fortunato Leccese, Anna Mallamaci, Emiliano Masala, Camilla Semino Favro, Francesco Villano

Dopo aver già conquistato il palco dell’Argentina nella scorsa stagione con il distopico e intimo When the Rain Stops Falling, Lisa Ferlazzo Natoli e la sua lacasadargilla tornano ad affascinare il pubblico romano con la storia delle famiglie Law e York.

Una singolare saga familiare che traccia gli eterni “corsi e ricorsi” di quattro generazioni di padri, figli, madri, nipoti, amanti, mogli.
In continuità con la precedente stagione, anche quest’anno il palcoscenico del Teatro Argentina e il suo grande pubblico incontrano Lisa Ferlazzo Natoli con lacasadargilla, tra le compagnie più interessanti del panorama teatrale romano, portando in scena When the Rain Stops Falling, una singolare saga famigliare lunga ottanta anni ritratta dall’australiano Andrew Bovell.

Uno spettacolo di originale andamento ed efficacia, già accolto con successo lo scorso anno e che ritorna ad affascinare il pubblico con la storia delle famiglie Law e York: quattro generazioni di padri e figli, delle loro madri, amanti e mogli.
Quasi un romanzo teatrale intimo e distopico che Bovell disegna con un’affascinante struttura drammaturgica, dove i diversi fili narrativi, il graduale sovrapporsi delle temporalità e l’incrocio dei destini raccontano una corrispondenza così profonda tra le esperienze di ognuno da suggerire che negli alberi genealogici (riprodotti in immagini) non vi siano “scritti” solo i nomi dei protagonisti, ma anche i comportamenti, le inclinazioni, i desideri e gli errori.

Produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione - Teatro Nazionale, Teatro di Roma - Teatro Nazionale, Fondazione Teatro Due Parma con il sostegno di Ambasciata di Australia e Qantas.

Parole chiave

Data di ultima verifica: 16/01/20 14:29