060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Teatro » Uno, nessuno e centomila
Data: da 15/02/18 a 02/03/18

Orario

Dal 15 febbraio al 2 marzo 2018

giovedì 15, venerdì 16, martedì 20 febbraio e venerdì 2 marzo ore 10.30
giovedì 22 febbraio e giovedì 1 marzo ore 17.00
mercoledì 21 e mercoledì 28 febbraio ore 20.00
 

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Via Nazionale, 183
Zona: Rione Castro Pretorio (Porta Pia) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Prezzo per le scuole: 12 €
Prezzi per famiglie: bambini 8 €, adulti da 11 € a 15 €

Contatti

Descrizione

Tratto dal romanzo di Luigi Pirandello
Adattamento teatrale Maria Teresa Berardelli
 
Con Francesco Sferrazza Papa
Melania Genna
Luca Terracciano
 
Regia Andrea Baracco
 
Produzione e distribuzione KHORA.TEATRO
 
Pensato e in parte scritto già nel 1912, il romanzo Uno, nessuno e centomila è, secondo l’autore siciliano, da considerarsi “la sintesi completa di tutto ciò che ho fatto e la sorgente di quello che farò”.
Vitangelo Moscarda è un uomo comune, che conduce una vita agiata grazie alla banca ereditata dal padre, usuraio. Un giorno, la sua tranquillità viene turbata da un innocente commento pronunciato dalla moglie riguardo alle sue fattezze fisiche. Da quel momento, la vita del protagonista cambia completamente. Egli si rende conto di apparire, agli occhi degli altri, molto diverso da come si è sempre percepito; non sa più chi è, né per se stesso né per gli altri, e decide quindi di scoprirlo. Nel farlo, si diverte a scomporre le varie immagini di sé, cioè le immagini che gli altri hanno di lui, compiendo una serie di azioni che lo faranno apparire ai loro occhi pazzo. Sfratta una famiglia di affittuari per poi donare loro una casa; decide di volersi sbarazzare della banca ereditata dal padre; arriva ad essere violento nei confronti della moglie. Gli altri, e la moglie stessa, davanti alle sue azioni decidono di volerlo interdire. Gli resta fedele in un primo momento solo un’amica della moglie che, poco dopo però, spaventata dalle sue oscure e bizzarre riflessioni sulla vita, arriva addirittura a sparargli.
Vitangelo Moscarda, il cui "io" è alla fine completamente frantumato nei suoi centomila “io”, si trova d’un tratto, spogliato di tutto; solo, con le sue considerazioni sulla vita. Costretto a investire i soldi ricavati dalla liquidazione della banca in un ospizio per poveri, e costretto ad andare lì a viverci, egli si ritrova lontano da tutto e da tutti. Ricerca un po’ di pace nella fusione totalizzante, e quasi misticheggiante, con la natura; un mondo in cui egli prova ad abbandonare tutte le “maschere” che la società gli ha fino a quel momento imposto.

Parole chiave

Data di ultima verifica: 07/02/18 09:26