060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Teatro » Truman Capote
Data: da 27/02/20 a 29/02/20

Orario

dal 27 al 29 febbraio 2020 - ore 21.00

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Via Bruno Cirino
Zona: Torre Angela (Roma est)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza
Angolo di Viale Duilio Cambellotti e Via Tor Bella Monaca

Informazioni

Biglietti:
Intero  € 10,50
Ridotto € 8,50
Giovani € 7,50
Invalidità € 5,50
Diversamente abili € 2,50
Prezzo speciale Gift Card € 7,50

Info e prenotazioni: 06 2010579

La programmazione potrebbe subire modifiche o annullamenti. Si consiglia di verificare il sito e/o la pagina facebook del teatro.

Contatti

Descrizione

Truman Capote
Questa cosa chiamata Amore

di Massimo Sgorbani
in collaborazione con Teatro Nazionale della Toscana
con Gianluca Ferrato
scene Massimo Troncanetti
costumi Elena Bianchini e Fondazione Cerratelli
assistente alla regia Jonathan Freschi
impianto e regia Emanuele Gamba

Uno spettacolo da e su uno dei più grandi scrittori americani del ‘900, in uno spazio teatrale mutevole e leggero, una pelle prismatica di camaleonte pronto alla trasformazione, com’era la lucentezza della prosa dell’autore di A sangue freddo, di cui quest’anno ricorrono i 50 anni dalla prima pubblicazione.
“Tutta la letteratura è pettegolezzo“, così Truman Capote liquidava con una delle sue abituali provocazioni anti- letterarie qualsiasi visione sacrale dell’arte e dell’artista. Pettegolezzo inteso come svelamento di ciò che non si sa, indagine sui lati oscuri dell’America, in modo leggero e profondo, snob e vivace come un vodka martini.
È il Capote più irriverente quello che Massimo Sgorbani disegna per Gianluca Ferrato, un dandy, un esibizionista, un personaggio pubblico prima ancora che un grande scrittore: l’anticonformista per eccellenza, che può permettersi di parlare con la stessa dissacrante arguzia di Hollywood e della società letteraria newyorkese, di Jackie Kennedy e Marilyn Monroe, di Hemingway e Tennessee Williams, senza mai risparmiare se stesso, i suoi vizi, le sue manie, i suoi successi e fallimenti.

Florian Metateatro in collaborazione con Teatro Nazionale della Toscana

Parole chiave

Data di ultima verifica: 15/01/20 15:00