060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Teatro » Supplici 2.0
Data: da 27/04/19 a 28/04/19

Orario

Sabato 27 e domenica 28 aprile ore 20.30

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Piazza Bartolomeo Romano, 8
Zona: Quartiere Ostiense (Roma sud)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Info biglietti:
Intero 18 €
Ridotto 12 €
Studenti 8 €
Attivo, solo durante gli orari di apertura del botteghino (apre due ore prima dello spettacolo), il numero: 06 57332768.
Prenotazioni via e - mail: biglietteria.palladium@uniroma3.it
Info line per prenotazioni cell 350 011 9692 (attivo tutti i giorni, 11:00 - 13:00 / 16:00 - 20:00)

La programmazione potrebbe subire modifiche o annullamenti. Si consiglia di verificare il sito e/o la pagina facebook del teatro.

Contatti

Telefono: 06 57332768 (attivo solo durante gli orari di apertura del botteghino)

Descrizione

Supplici 2.0

Testi: Giovanna Caico, Francesca Satta Flores
Regia: Francesca Satta Flores
Musiche originali: Erika Zoi
Con: Barbara Alesse, Maria Sofia Balossino, Stefania Bogo, Diletta Bozzetti,
Simone D’Acuti, Sabrina D’Alonzo, Margherita Dongu, Alessandro Filippini,
Alessandra Lazzini, Piero Lomartire, Francesca Lione, Silvia Maresca,
Manuela Montanaro, Luca Napolitano, Lara Panizzi, Valerio Polzoni,
Francesco Sciancalepore, Alice Venditti.

Un folto gruppo di esuli giunge dalle lontane terre d’Africa sulle coste greche dopo aver attraversato il mare. Sono donne, ragazze, pronte ad affidare la loro vita alla compassione degli abitanti della regione pur di sfuggire alla violenza. Le loro speranze di essere accolte e protette si fondano su un elemento preciso: la parentela, remota ma certa, con gli argivi. Il dilemma che si presenta al re di Argo è dunque esemplare: mettere a rischio la prosperità e la sicurezza della propria gente in nome di una presunta prossimità con una folla composta, di fatto, da persone sconosciute?

L’eco che questa materia drammatica e mitologica trova nel momento storico attuale non potrebbe essere più evidente.

Il progetto Supplici 2.0 non minimizza questa corrispondenza ma la sottolinea, la stressa, ponendo di fronte al Coro delle Supplici un nuovo Coro, quello dei Luoghi Comuni che dà voce – anche con linguaggio canoro – ai pregiudizi, alle paure, ai pensieri e – appunto – ai luoghi comuni che nella realtà troppo spesso costituiscono la risposta alla semplici, essenziali, esigenze di chi arriva, supplice.

Come può risolversi una tensione che cresce, con urgenza sempre maggiore e sempre minore consapevolezza? E’ ancora possibile coltivare l’illusione di non prendere posizioni concrete? E a che prezzo?

Parole chiave

Data di ultima verifica: 05/03/19 16:17