060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Teatro » RedReading #13
Data: 18/07/20

Orario

Sabato 18 luglio 2020
ore 21.30

Ospitato in

Indirizzi

Indirizzo: Lungotevere Vittorio Gassman
Zona: Quartiere Portuense (Roma ovest)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza
(già lungotevere dei Papareschi)
Ingresso disabili: Via Luigi Pierantoni, 6
Zona: Quartiere Portuense (Roma ovest)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Biglietto: € 5,00

Tutti gli spettacoli al Teatro india si terranno nell’arena esterna con capienza massima di 154 posti

Contatti

Descrizione

RedReading #13
UN GIORNO BIANCO_dove il noi dimora in me

dal libro "Ho costruito una casa da giardiniere" di Gilles Clément (ed. Quodlibet)

un programma di e con Tamara Bartolini, Michele Baronio
drammaturgia Tamara Bartolini
musiche e canzoni Michele Baronio
con la partecipazione di Leonardo Delogu DOM- e altri ospiti
con l’intervento dei musicisti Renato Ciunfrini, Sebastiano Forte
suono Michele Boreggi
identità visiva Margherita Masè

RedReading è un incontro tra il teatro e la potenza di un libro.
Incontro con la narrazione orale, con quelle storie che sono nate da una comunità, e che proprio attraverso il teatro, a quella comunità, ritornano. È una traduzione sentimentale e intima dell’esperienza che ha significato per noi la lettura di quel libro, con i suoi contenuti, forme e linguaggio. Attraverso una costruzione drammaturgica e sonora il testo scelto viene suonato, raccontato, fatto diventare dialogo attraverso le incursioni degli ospiti che intervengono sugli argomenti che questo tratta e sulle suggestioni che crea.
RedReading è un progetto ideato da Bartolini/Baronio che procede per cicli ed episodi. I RedReading hanno abitato teatri, festival, cortili, chiostri, biblioteche, piazze e tanto altro.

Con il RedReading#13 UN GIORNO BIANCO, Bartolini/Baronio si domanda dove stiamo andando, cosa stiamo lasciando, come vivere tra le rovine, e cos’è casa. Quali sono i residui che compongono la nostra possibilità di un Terzo Paesaggio, dove sono i luoghi marginali di cui riappropriarci perché diventino spazi di resistenza, pratiche di cambiamento, dov’è la memoria delle cose, l’io che diventa noi, i territori, la comunità, la terra su cui camminare, da nutrire, tutelare. E allora scopriamo quanto ci sia bisogno di cura e di fare cose difficili – come scrive Gianni Rodari: guardare, ascoltare, avere pazienza.

L’invito è di immergersi nel tempo dell’edificazione della casa ideale, insieme a Clèment e agli ospiti, proprio per curarne le rovine: “Il mio progetto non era quello di costruire una casa con un giardino intorno. Era semmai il contrario: volevo abitare in un giardino”. Come si impara allora a salutare ciò che abbiamo intorno, a seminare, a far tesoro di tutto, delle persone, degli animali, delle piante? È un giorno bianco e possiamo ricominciare dalla prima pietra, come dire la luna, inoltrandoci con cura da giardinieri in questo Mondo-giardino che ha origini più lontane delle nostre e così cercare, cercare e cercare ancora, e ancora seminare bellezza.

Produzione Bartolini/Baronio | 369gradi

Parole chiave

Nell'ambito di

Data di ultima verifica: 09/07/20 15:03