060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Teatro » Piazza Montanara
Data: da 24/04/18 a 26/05/18

Orario

Dal 24 aprile al 26 maggio 2018 
esclusivamente il Martedì e il Sabato

Martedì 24 aprile / 8, 15, 22 maggio
Sabato 28 aprile / 5, 12, 19, 26 maggio

ore 20,30 Aperitivo
ore 21,00 Spettacolo sala teatro, a seguire Cena

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Piazza di Montevecchio, 5
Zona: Rione Ponte (Via Coronari-Ponte Vittorio) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Aperitivo, Spettacolo e Cena
Ingresso Intero Euro 50,00 - Ridotto Euro 45,00 (il ridotto è riservato alle persone iscritte alla newsletter del teatro).

Si ricorda che il numero dei posti è limitato ed è preferibile la prenotazione scrivendo a  info@arciliuto.it o telefonando al tel. 06 6879419 (dalle ore 16,00 in poi) o al mobile 333 8568464 (phonecall & sms)

Modalità di partecipazione: Prenotazione consigliata

Contatti

Telefono: 0039 06 6879419
Fax: 0039 06 6879406

Descrizione

Piazza Montanara

di Giovanni Castellani

con in ordine di appartizione
Piero Trio, Massimo Marinelli, Antonella Aiesi, Giovanni Castellani, Paola Pinci, Caterina Ferlito

messo amichevolmente in scena da Massimo Cinque
Costumi ANNAMODE 68

A Roma c'era una piazza alquanto pittoresca di cui non rimane più alcuna traccia: Piazza Montanara.
Si trovava a ridosso delle strutture del Teatro Marcello.
La piazza veniva attraversata dal primo servizio di trasporto collettivo della città mediante un omnibus trainato da cavalli, collegando Piazza Venezia con la Basilica San Paolo.
Vi arrivava molta gente dalle campagne e dai castelli e si crede che la piazza derivasse il suo nome da questo tipo di frequentazione. In real'tà "Montanara" è il nome della famiglia quattrocentesca, poi estintasi, che prima vi cominciò ad edificare.
Non mancavano piccoli commerci come la drogheria, la merceria, lo spaccio di alcolici, la vendita di stoffe, di candele, le ferramenta. Me tre preferivano esercitare all'aperto i cerusici e i cavadenti o gli scrittori e gli "avvocati di piazza".
Tutto questo mondo fu del tutto distrutto durante il fascismo, tra il 1926 ed il 1936, con i lavori per la realizzazione di quella che era chiamata la Via del Mare (oggi Via del Teatro Marcello).
La vita di piazza era semplice, senza troppi affanni, anche se ciascun frequentatore aveva sempre le sue vicende più o meno spinose da sistemare.
Noi ve ne vogliamo raccontare una, sorridendo e sperando di farvi sorridere.

Parole chiave

Data di ultima verifica: 26/04/18 15:15