060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Teatro » Le città perdute (e ritrovate)
Data: da 04/07/18 a 05/07/18

Orario

Il 4 e il 5 luglio 2018 dalle ore 19:00

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Via Giacinto Carini, 78
Zona: Quartiere Gianicolense (Roma ovest)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Per assistere alle rappresentazioni conclusive del laboratorio di teatro comunitario non è possibile acquistare biglietti al botteghino ma solo farsi sostenitori e promotori del progetto, attraverso una donazione ad Asinitas
Info www.asinitas.org/

Contatti

Telefono: 06 5881021 - 06 5898031
Fax: 06 5816623

Descrizione

Asinitas onlus e Fabbrica dell'attore – Teatro Vascello porta in scena l'esito finale di due percorsi di laboratorio teatrale con gruppi eterogenei per lingua, nazionalità, età, formazione artistica.

Ore 19:00 HARIKHONTO-Voci oltre i confini
Uno spettacolo onirico, una costruzione drammaturgica che procede soprattutto per immagini e voci intrecciate a immagini, video e teatro d'ombra. Va in scena un gruppo di donne di Torpignattara, di diversa nazionalità, età e formazione artistica, che si è incontrato da gennaio a giugno.

Ruolo fondamentale hanno il canto e la danza attraverso laboratori a cura della mediatrice culturale ed artistica Sushmita Sultana del Bangladesh, cantante e ballerina, e di Daniela De Angelis, Arianna Consoli e Antonia Harper, cantanti, musiciste e pedagoghe musicali.

Ore 21:00 - INDIDY, MAMADY e IL DONO

Due giovani africani dopo un terribile viaggio arrivano sulla soglia di una città, in un posto "sacro" in cui sperano di poter restare, trovare riposo. Qui incontrano una strana umanità, chiassosa e multicolore, frivola e discorde, che discute della possibilità di accoglierli o rimandarli indietro.
 Gli "Ospiti" dichiarano di portare in dono qualcosa di buono alla città, ma esitano nell'esplicitare cosa.

La musica è centrale grazie all'apporto di Matteo Portelli, musicista e compositore, e di Madya Diabaté, griot del Senegal e suonatore di kora, che porta all'interno del gruppo la tradizione dei cantastorie.
La danza e il movimento scenico sono a cura di Angela Cocozza, danzatrice coreografa, insegnante e direttrice della scuola di danza Termini Underground e di Juru e Woody Hellen, ballerini e coreografi.

Parole chiave

Data di ultima verifica: 03/07/18 09:15