060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Teatro » La guerra di Paulinuzzu Millarti
Data: 15/02/19

Orario

Venerdì 15 febbraio 2019 ore 18.00

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Via del Teatro di Marcello, 4
Zona: Rione Ripa (Circo Massimo-Bocca Verità-Aventino) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Modalità di partecipazione: Ingresso libero fino a esaurimento posti

Contatti

Telefono: 06 6784380

Descrizione

LA GUERRA DI PAULINUZZU MILLARTI
Conferenza – spettacolo sull’avvincente storia di Paolo Montalto

di e con Andrea Puglisi
regia Benedetta Nicoletti
produzione Arte Mediterranea

Nella stagione teatrale 2018/2019, il Teatro della Cometa ha inaugurato il nuovo Salotto Cometa. Da ottobre a maggio, un venerdì al mese si tiene l’aperitivo culturale del nuovo Salotto Cometa nel foyer del teatro: tra food, cultura e performance, si racconteranno progetti, idee, storie, libri, per favorire conversazioni, connessioni.

"La guerra di Paulinuzzu Millarti" nasce da una piccola magia; quella che accade quando il protagonista dei fatti narrati, il signor Paolo Montalto, incontra quello che sarà autore del testo e suo interprete in scena, Andrea Puglisi. Giunto alla soglia dei cento anni, il signor Montalto racconta la sua guerra, e raccontando torna Paolino ventenne, catapultato in un incubo di cui non conosce lo scopo. Puglisi raccoglie la sua testimonianza inestimabile, che racconta di anni lontani ma di storie troppo vicine: nostalgia di casa, la rabbia, gli amori fugaci, i fantasmi dei compagni caduti ; e con infinito rispetto e generosità, diventa a sua volta Paolino.

Le guerre sono abituate a nascondersi dietro ai grandi numeri: le migliaia, le centinaia di migliaia di vittime sono concetti troppo grandi; restano anonimi, inafferrabili, rassicuranti nella loro opacità. La guerra che vogliamo raccontare è invece quella che passa attraverso gli occhi di un uomo, quella che non oltrepassa il suo campo visivo ma che certo oltrepassa il suo cuore, che non sapeva di poter sopportare tanto. Dagli occhi di un reduce che riesce a tornare a casa passano le storie di coloro che invece non ce l'hanno fatta, passano interrogativi che pesano come macigni, risposte da chiedere al vento o a Dio, se pure lui ancora resiste. La morte chiama morte, irridendo la vita; ma la vita si attacca a se stessa, tenace, anche quando sembra non ci sia più nulla da fare. E come ci insegna la guerra di Paulinuzzu Millarti, a volte, vince.

Parole chiave

Data di ultima verifica: 11/02/19 09:23