060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Teatro » Knots – regole per essere felicemente infelici
Data: 15/09/17

Orario

Venerdì 15 settembre - ore 21.00

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Vicolo di Pietra Papa, 64
Zona: Quartiere Portuense (Roma ovest)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza
angolo con Via Pietro Blaserna 37

Contatti

Descrizione

Di e con Julia Filippo
Regia Else Marie Laukvik

Nina è una ragazza giovane del sud Italia che a 15 anni incontra sulla spiaggia Antonio, un giovane chitarrista spagnolo di cui si innamora. Dopo un primo periodo di relazione, Nina scopre di essere incinta e la famiglia la allontana da casa. Antonio decide dunque di partire per l’ America alla ricerca di fortuna, lasciando Nina in Italia con la promessa che un giorno ritornerà per portarla con lui negli Stati Uniti, dove finalmente potranno stare insieme, liberi da problemi economici. Alla nascita del bambino però, Nina non ha ancora notizie di Antonio. Decide dunque, per il bene del bambino, di abbandonarlo in una chiesa, con la speranza di un futuro migliore. Inizia a vivere per strada, suonando per degli sconosciuti, i passanti della strada che ora è casa sua. Aspetta. Beve. E’ ricoverata in ospedali psichiatrici. Ma dopo anni decide di prendere in mano la sua vita accettando la sua condizione, trova il modo ironico e folle di non autocommiserarsi, ma di lottare e provare a essere felice.

Secondo il “United Nation Commition on Human Rights” ci sono circa 100 milioni di persone che vivono per strada nel mondo. L’ infelicità è dolorosamente necessaria… Ma cosa è l’infelicità? Possiamo essere sicuri della felicità o infelicità di qualcun altro?

Nello spettacolo “KNOTS – regole per essere felicemente infelici”, confrontiamo le nostre vite con quella di Nina, una donna italiana che passò più della metà della sua vita a vivere per strada, guardando gli occhi delle persone che distrattamente le camminavano addosso. Lungo il percorso di Nina, conosceremo i ricordi di un’infanzia spensierata, ed i suoi tormenti che la legano al passato attraverso quelli che in psicologia vengono chiamati “nodi”. Lo spettacolo è lo spazio di un ricordo, di un momento che ha cambiato la direzione di una vita, trasportata su di un letto nuovo ogni notte.  E‘ l’essere libero, vivo, e presente in tutti gli angoli oscuri della città come trasparente fantasma. Attraverso la profonda conoscenza di sè ed una folle auto ironia Nina giungerà alla mediazione tra questi due opposti sentimenti. Ad una vita felicemente infelice…

Parole chiave

Data di ultima verifica: 20/07/17 11:49