060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Teatro » Il cielo non è un fondale
Data: da 06/03/19 a 10/03/19

Orario

Dal 6 marzo al 10 marzo 2019

mercoledì 6 marzo 2019 - ore 21.00
giovedì 7 marzo 2019 - ore 21.00
venerdì 8 marzo 2019 - ore 21.00
sabato 9 marzo 2019 - ore 21.00
domenica 10 marzo 2019 - ore 18.00

Ospitato in

Indirizzi

Indirizzo: Lungotevere Vittorio Gassman
Zona: Quartiere Portuense (Roma ovest)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza
(già lungotevere dei Papareschi)
Ingresso disabili: Via Luigi Pierantoni, 6
Zona: Quartiere Portuense (Roma ovest)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Intero: € 22,00

La programmazione potrebbe subire modifiche o annullamenti. Si consiglia di verificare il sito e/o la pagina facebook del teatro

Contatti

Descrizione

di Daria Deflorian e Antonio Tagliarini

con Francesco Alberici, Daria Deflorian, Monica Demuru, Antonio Tagliarini con collaborazione al progetto Francesco Alberici, Monica Demuru

ll cielo non è un fondale parte da un sogno che è a sua volta generato da una canzone.

E’ lì, tra il buio e il corpo della musica che inizia il vero, paradossale lavoro del teatro: sognare gli altri assieme a loro, in uno spazio scenico vuoto che si ingrandisce e si restringe, come l’architettura, a un tempo contratta e smisurata, della nostra mente.
In questo luogo sospeso, Antonio racconta di aver sognato Daria nei panni di una barbona e, pur avendola riconosciuta, di essere passato oltre; quel gesto innesca una ritmica di incontri e di misconoscimenti, di cadute e di incidenti, di parole e di canzoni, scandita da due sentimenti contraddittori: la paura di essere noi stessi l’altro, l’escluso, “l’uomo che mentre tutti sono al riparo resta da solo sotto la pioggia” e il desiderio di metterci, per una volta, al suo posto. 

A dar loro una forma è il corpo delle canzoni presenti nello spettacolo, di una soprattutto, La domenica di Giovanni Truppi, che, sciolta nei dialoghi, diventa il simbolo dell’impossibilità di trasformare la vita quotidiana in una mera idealità. Anche perché come dice alla fine la canzone “va a finire sempre che la domenica la gente litiga”

Parole chiave

Data di ultima verifica: 28/02/19 12:21