060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Teatro » Cervella
Data: da 19/01/19 a 20/01/19

Orario

Sabato 19 e domenica 20 gennaio
Sabato ore 21.00
Domenica ore 18.00

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Via della Vetrina, 7
Zona: Rione Ponte (Via Coronari-Ponte Vittorio) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Biglietti 13€ + 2€ tessera associativa del teatro

Contatti

Descrizione

CERVELLA

Idea e Regia di Fulvio Maura
con Silvia Cox, Cecilia Fioriti, Marco Masi, Fulvio Maura, Francesco Parisi, Vittorio Rainone, Cinzia Zadro.
 
Spettacolo di improvvisazione teatrale targato Roma Improv 
Sei personaggi in cerca di un motivo per andare in terapia.

Un tempo c’era solo il prete che dialogando con il fedele, nel segreto della confessione, accoglieva i segreti dell’anima, cercando con gli strumenti della religione di lenirne le sofferenze. Nell’ultimo secolo le conoscenze intellettive dell’uomo si sono sviluppate sempre di più ed è nata, grazie a Freud, la figura del terapeuta. Questa figura si è istituzionalizzata ed oggi, convenzionalmente, è lui che accoglie le confessioni delle anime sofferenti.
Sei attori interpreteranno altrettanti personaggi che cercheranno di affrontare grazie all’aiuto di un terapeuta le loro fobie, le loro paure, i loro blocchi, ognuno con la propria storia da raccontare.
Ma l’unicità di questo spettacolo sta nel fatto che sarà il pubblico a scegliere i protagonisti di queste storie e a dire per quale motivo hanno richiesto l’aiuto di un terapeuta. Quello in scena sarà uno spettacolo completamente improvvisato: il plot narrativo, i dialoghi, i colpi di scena tutto nascerà sul momento partendo da una vostra suggestione. Perfino la colonna sonora sarà improvvisata dalle testiere del nostro musico Alessio Granato.
Ormai il teatro si evolve con il mondo e con i suoi nuovi mutevoli modi di comunicare. Lo spettatore non è più solo un fruitore passivo, ma diviene sempre più attivo nel decidere e nell’incidere sui prodotti di intrattenimento. In questo senso l’improvvisazione teatrale è uno strumento estremamente moderno: lo spettatore non solo potrà decidere cosa vedere, ma potrà agire in maniera attiva sulla sceneggiatura scegliendo  il primum movens che spinge una personaggio ad agire.
E alla fine si uscirà dal teatro avendo provato l’ebbrezza di vedere uno spettacolo che il pubblico avrà contribuito a creare.

Parole chiave

Data di ultima verifica: 10/01/19 12:39