060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Teatro » Antartika
Data: 07/04/19

Orario

Domenica 7 aprile 2019
Ore 16.30 - inizio spettacolo ore 17:00

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Via degli Acquasparta, 16
Zona: Rione Ponte (Via Coronari-Ponte Vittorio) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Biglietti:
Intero € 15,00
Ridotto € 10,00

La programmazione potrebbe subire modifiche o annullamenti. Si consiglia di verificare il sito e/o la pagina facebook del teatro.

Acquista o prenota la tua poltrona alla biglietteria ai numeri 0655340226 e 3711793181

Contatti

Descrizione

Antartika

Di Camilla Ribechi
Con Marco Bullitta, Lisa Recchia e Camilla Ribechi

Michela è una bambina interessata alla scienza e agli extraterrestri. Il Papà neanche la vuole ascoltare quando parla di alieni! Mentre Michela riporta un libro in biblioteca un vortice spazio-temporale si apre sulla sua testa e MILEVA un essere che a lei sembra un Alieno appare per chiederle aiuto! Mentre il vortice si chiude Michela viene risucchiata e trasportata in Antartide, nei pressi della Base Franco Italiana di Concordia.

Nel nuovo incredibile mondo Michela chiede alle persone che incontra se sanno qualcosa degli Extraterrestri ma anche qui tutti la prendono in giro e, anzi, cercano di rispedirla a casa. Michela vuole restare per fare le sue ricerche e scappa. Mentre vaga scoppia una tempesta di neve e Michela rischia di morire. Fa in tempo, però, a rendersi conto che la terra descritta dagli scienziati come un paradiso senza frontiere, una terra di pace e cooperazione, in realtà, è piena di militari che difendono basi segretissime.
 Viene salvata da un pinguino e si risveglia in una grotta piena di pinguini e di foche urlanti e puzzolenti. Michela cerca di fuggire ma, appena muove un passo, inciampa su quello che crede un sasso ma che è, invece, una foca, che ha la testa immersa in un buco della banchisa. La foca si arrabbia con Michela, parlando.

Il pinguino che l’ha salvata dalla tempesta placa lo stupore della bambina spiegandole che lui e la foca hanno imparato a parlare in una grotta non molto distante da lì, davanti a dei graffiti da cui si sprigionano degli ologrammi con una donna che parla e racconta leggende e storie meravigliose e antichissime. Michela si fa condurre nella grotta e apprende, dall’ologramma, la storia di una civiltà molto più antica di ogni civiltà conosciuta, che era arrivata ad altissimi gradi di tecnologia che, però, aveva usato male, fino ad essere distrutta da una guerra apocalittica, che aveva provocato lo spostamento del continente sul quale viveva, Antartika, dai tropici al Polo sud, dove si trovava ora.

Michela torna alla base e, questa volta, cerca di convincere gli scienziati della necessità di fermare la guerra. Questa volta gli scienziati le credono e la seguono e con la creazione di un esercito oleografico riescono ad avere la meglio su tutti i soldati di tutti i paesi del mondo e riescono a cacciarli, in ritirata, lontano dall’Antartide.
 Mentre Michela e i suoi nuovi amici scienziati si preparano ad un prossimo attacco degli eserciti mondiali, una mail li informa che, in conseguenza a quanto successo in Antartide, quasi tutti gli esseri umani civili della terra hanno chiesto la Cittadinanza Universale, prevista nella Costituzione di Antartika, creata milioni e milioni di anni fa, prima della grande guerra apocalittica, in cui non esistono stati né confini, non esistono eserciti né armi e tutti sono fratelli.

 

Parole chiave

Data di ultima verifica: 20/03/19 12:17