060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Musica » Villa Aperta IX. Strano luogo per degli incontri
Data: da 13/06/19 a 15/06/19

Orario

13-14-15 giugno 2019

Il Festival giorno per giorno:

• Giovedì 13 Giugno
 
ore 21.00: The Pirouettes
ore 22.00 Miguel Bonnefoy & Lorenzo Bruschini
ore 22.30: Juliette Armanet
• Venerdì 14 Giugno 
ore 21.00 : Fishbach
ore 22.15: Fakear
ore 23.30: CUT KILLER
ore 00.30 Thylacine
• Sabato 15 Giugno
ore 21: INÜIT
ore 22.20: Kid Francescoli
ore 23.30: DJ Gregory
ore 00.30: Dj Deep

Durante i cambi palco della serata del 15 giugno saranno proiettati i video del progetto di Martux & Silvère Jarrosson

Apertura porte alle 19.00

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Viale della Trinità dei Monti, 1
Zona: Rione Campo Marzio (P.Spagna-P.Popolo-Pincio) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

La serata del 13 è ad ingresso libero, mentre il pubblico può accedere alle altre due serate del 14 e del 15 acquistando o un biglietto di € 15,00 al giorno o tramite un abbonamento di € 20,00 per i due giorni.

Contatti

Telefono: Centralino: +39 06 67611 - 06 6761223 - 06 6761311
Fax: +39 06-6761305
Acquisto online: https://bit.ly/2HNE4Ee

Descrizione

Sin dal 2010, il Festival Villa Aperta ha l’ambizione di creare un dialogo tra l’istituzione storica che lo accoglie – l’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici – e il migliore della scena musicale internazionale. Il contrasto tra la solennità del palazzo rinascimentale, la quiete paradisiaca dei giardini e l’energia artistica dei musicisti crea un’atmosfera unica, caratterizza dall’apertura a tutti i solfeggi della creazione. Questa nona edizione del festival sarà senza dubbio un’esperienza estetica totale e indimenticabile.

Per proporre un panorama completo della musica attuale francese, questa edizione combina dei talenti di fama con un importante carriera, e giovani artisti promettenti. La IX edizione di Villa Aperta coprirà un ampio spettro musicale, dalla canzone neo-seventies intimista di Juliette Armanet alla pop colorata di The Pirouettes, passando dall’energia contagiosa dei grandi DJ Gregory e Deep. La programmazione si costruisce un’armonia musicale ritmata da proiezioni artistiche sulla facciata rinascimentale del palazzo.

Si inizia a partire da giovedì 13, sulla scia dei Giovedì della Villa, con uno straordinario doppio concerto. Si esibiscono dapprima The Pirouettes (ore 21), duo giovanissimo e già idolatrato da critica e pubblico. Segue una delle giovani cantautrici più apprezzate della scena francese attuale: Juliette Armanet (ore 22.30), ospite d’onore di quest’edizione e vincitrice con il suo album «Petite Amie», del prestigioso premio di “Album rivelazione dell’anno” alle Victoires de la Musique nel 2018.
Come intermezzo tra questi due concerti  alle ore 22, la presentazione di un progetto inedito, appositamente concepito per il Festival, anch’esso all’insegna dell’“incontro”: quello tra lo scrittore Miguel Bonnefoy, pensionnaire di Villa Medici, e l’artista visivo Lorenzo Bruschini. Un momento fortemente poetico, in cui la parola di Miguel Bonnefoy si fonde con i disegni di Lorenzo Bruschini proiettati sulla facciata rinascimentale della Villa.
Venerdì 14 e sabato 15, gli “incontri” sono quelli tra due generazioni – quella rappresentata da artisti giovani ma già molto affermati - come Fishbach, Inuït, Fakear, Thylacine e quella di alcuni artisti francesi che da decenni rivoluzionano la scena musicale, come Cut Killer, Dj Gregory e Dj Deep.
Durante la terza serata, sabato 15, si rende omaggio a due personalità che hanno cambiato la storia della poesia e della drammaturgia: Alda Merini e Antonin Artaud, le cui vite sono state segnate dal genio, a volte sconfinante nella follia. Ricordare questi artisti straordinari in un contesto così particolare esalta la loro arte e poetica. Per questo omaggio è stato appositamente realizzato per il Festival un progetto multidisciplinare, intitolato proprio «Strano luogo per degli incontri», che nasce dall’unione di musiche composte da uno dei pionieri della musica elettronica italiana, Martux, dai movimenti del danzatore e artista visivo Silvère Jarrosson, dalla visione cinematografica di Luca Iavarone e dalle voci di Paola Severini, Donatella Finocchiaro e Pino Saulo.

Giovedì, venerdì e sabato il pubblico è accolto dai due giovani e talentuosi djs del progetto ErBox soundsystem.

Parole chiave

Data di ultima verifica: 13/06/19 10:34