060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Musica » Martin Fröst (clarinetto) e Vikingur Ólafsson (pianoforte)
Data: 18/04/20

Orario

Sabato 18 aprile 2020 ore 17.30

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Piazzale Aldo Moro, 5
Zona: Quartiere Tiburtino (Roma est)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

BIGLIETTI ridotti:
- Speciale giovani Under 30 € 8 / Under 18 € 5
- Speciale famiglie: riduzione per 2 genitori € 10 e bambini under 14 € 5
- 4 concerti "MusicaPourParler" biglietto unico € 5 – Scuole € 3

BIGLIETTI interi:
- I settore € 27
- II settore € 23
- III settore € 18
Al prezzo dei biglietti sarà applicato il diritto di prevendita.

PREVENDITA:
- IUC (biglietti interi e ridotti)
Lungotevere Flaminio, 50 (lun-merc-giov-ven 10-13 /14-17 info: 06 3610051/2)
botteghino@istituzioneuniversitariadeiconcerti.it
- Rivendite abituali (biglietti interi) circuiti VivaTicket, Box Office Lazio
- Orbis Servizi (biglietti interi) P.zza Esquilino, 37 - dal lun. al sab. 9.30-13 | 16-19.30
- Telefonicamente con carta di credito IUC 06 3610051-2
- Online www.concertiiuc.it - www.vivaticket.it
- su www.boxofficelazio.it anche con Bonus Cultura
- Botteghino Aula Magna della Sapienza (da un’ora prima del concerto) P.le A. Moro 5 - Città Universitaria, Palazzo del Rettorato

Contatti

Descrizione

Martin Fröst clarinetto
Vikingur Ólafsson pianoforte

Poulenc Sonata per clarinetto e pianoforte
Ólafsson-Fröst “Nordic Dances”
Bartók Danze popolari rumene
Brahms 21 Danze ungheresi
Wie Melodien zieht es mir op. 105 n. 1
Mädchenlied op. 107 n. 5
Vergebliches Ständchen op. 84 n. 4
Sonata in mi bemolle maggiore op. 120 n. 2

The Times ha scritto: Finché non avrete ascoltato Martin Fröst, non avrete veramente ascoltato il clarinetto.
Gli fa eco il New York Times: Martin Fröst esibisce un virtuosismo e una musicalità superiore ad ogni altro clarinettista - e forse a ogni altro strumentista - che io ricordi.
Questa star svedese del clarinetto non conosce confini tra i vari generi musicali, suona con le più prestigiose orchestre così come con gruppi folk e spesso collabora con compositori, coreografi e registi, dando vita a performance che vanno oltre il tradizionale formato del concerto classico. All'Aula Magna si presenta con un programma dal classico al folk. Inziia e finisce con due Sonate – quella ottocentesca d Brahms e quella novecentesca di Poulenc – che sono due pietre angolari del repertorio classico per clarinetto. In mezzo le “Nordic Dances” scritte da lui stesso e dal suo partner al pianoforte, l’islandese Vikingur Ólafsson e danze popolari nell’elaborazione di due grandi autori classici, le “Danze rumene” di Bartok e le “Danze ungheresi” di Brahms.  E tre Lieder per voce ancora di Brahms trascritti per il clarinetto.

Parole chiave

Data di ultima verifica: 26/02/20 14:18