060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Mostre » You can have my brain (#Palestra)
Data: da 28/09/21 a 23/01/22

Orario

Dal 28 settembre 2021 al 23 gennaio 2022
martedì, mercoledì, giovedì e domenica: 12.00 – 20.00
venerdì e sabato: 12.00 – 22.00
lunedì chiuso
Ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura

Eventuali aggiornamenti sugli orari d'apertura sul >sito ufficiale

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Via Nizza, 138
Zona: Quartiere Salario (Roma nord)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza
Si può accedere anche da via Reggio Emilia 54

Contatti

Descrizione

Composta da testi, immagini e riflessioni teoriche sulla cultura materiale e sulla moda vista nel quotidiano, la mostra è un archivio condiviso del lavoro delle artiste Anna-Sophie Berger e Teak Ramos.

Il dialogo artistico tra Anna-Sophie Berger e Teak Ramos ha origine da un interesse condiviso per l’universo della moda in senso ampio, oltre che per gli aspetti più tecnici relativi alla costruzione di un abito. Con You can have my brain le artiste collaborano per la prima volta applicando al loro lavoro queste tematiche e partono proprio dall’archivio nato dalle loro conversazioni per concepire una serie di nuove opere per la sezione Palestra.

L’archivio condiviso dalle due artiste è l’origine stessa dei lavori esposti: da questo derivano una serie di stampe A4 in bianco e nero che, applicate su dei capi in poliestere, cotone e tessuti da sartoria, danno forma a una serie di look indossati da dieci manichini cromati. I diversi elementi si stratificano incorporandosi alla ricerca di Berger e Ramos, in alcuni casi per concentrarsi su uno specifico elemento di indagine, in altri per affrontare in modo più comparativo e articolato il tema dell’ornamento del corpo, delle sue implicazioni socio-culturali e della sua evoluzione concettuale e comunicativa. Funzionando come delle vere e proprie superfici di ricerca, gli stessi abiti traggono la loro composizione da forme convenzionali che sfuggono a collocazioni e attribuzioni specifiche. Visivi e testuali al tempo stesso, i look sono concepiti come una singola opera e sono accompagnati da elementi scultorei, da una serie di foto e da un video.

Parole chiave

Data di ultima verifica: 27/09/21 11:39