060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Mostre » Risvegli.I paessaggi dell'anima
Data: da 14/10/21 a 31/10/21

Orario

Dal 14 al 31 ottobre 2021
dal lunedi al venerdi 15.30 - 19.30

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Viale Giuseppe Mazzini, 1
Zona: Quartiere Della Vittoria (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Modalità di partecipazione: Ingresso libero

Contatti

Telefono: 347 0900625

Descrizione

In mostra i lavori di Claudia Caracausi, Isabella Rigamonti, Sabrina Trasatti, Federica Vaia, Sonia Viccaro: paesaggi intimi, urbani o astratti, esiti tutti, di una ricerca più originale iniziata all’indomani dello scoppio della pandemia.
 
RISVEGLI. I PAESAGGI DELL’ANIMA questo il titolo della mostra i cui lavori esposti sono opera di artiste contemporanee, che provengono dalla fotografia, dalla pittura, dal restauro e dall’architettura. Come evento conclusivo è possibile ammirare anche un’installazione floreale site- specific, ideata dalle floreal designers Marzia Taurino e Sara Tusset.
 
La mostra comprende le opere di Claudia Caracausi, architetto e digital artist che attraverso una sperimentazione meditata ha sempre come sviluppo una serie di elaborazioni fotografiche su temi pressoché architettonici e paesaggistici. Nelle opere dell’ultimo periodo, hanno preso il sopravvento sovrapposizioni e immagini in cui ogni forma s’interseca con l’altra, con esiti talvolta persino tangenti a quelli degli artisti del Realismo Magico.
Si sdoppia o si moltiplica invece l’immagine di Isabella Rigamonti. Le sue fotografie, senza alcuna rielaborazione di post produzione, rievocano i lavori di Florence Henry ma senza il culto dell’antico. Isabella predilige piuttosto l’astrazione profusa dal ricordo del rilievo: paradossi visivi scontornati non al livello della cornice ma al centro della foto che è in bianco e nero o accostata a scatti a colori vagamente “azzurrita”.
Sopra o sotto l’immagine, nel paesaggio di Sabrina Trasatti vagheggiano i volti dipinti da Michelangelo e dai grandi Maestri. Profili celebri che si confondono con la natura impressa oppure, all’inverso, visi che si adattano alle forme naturali. I suoi bassorilievi hanno la corporeità della scultura e l’eleganza della fotografia. Il risultato sono scenari prodotti grazie all’argilla cotta che in un secondo momento, fotograficamente, manipola attraverso incursioni di elementi naturali.
I graffi del pennello di Federica Vaia sanno di un lontano sapore tardo-divisionista. Le sue pitture smaterializzano forme e linee, lasciando intravvedere gli effetti di una luce radente che sfiora appena la superficie pellicolare. Sono assenti riferimenti ottici precisi per una ricerca che s’incentra sul tetris di colore, luce, corpo della materia.
Infine il lavoro di Sonia Viccaro trasfonde la pittura da vetro appannato in un giocoso “fumettismo” che trascolora e tende all’astratto. Artista dalla pratica multiforme, nelle ultime opere, pur iniziando il distacco dai suoi studi di restauro di pittura murale, ne resta ancora latente una traccia nell’uso impressionistico del pennello.

In occasione del finissage viene allestita l’installazione “FUSION FLOWER ART PROJECT: concepire il fiore come arte”. Il fiore diventa arte e come tale sa arrivare al profondo dell'anima, risvegliandola, quando sopita. L'installazione è realizzata in uno spazio circoscritto, con l’intento di coinvolgere i visitatori in un viaggio plurisensoriale, stimolando non solo la vista ma anche i sensi come il tatto e l'udito.

Parole chiave

Data di ultima verifica: 12/10/21 11:56