060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Mostre » Riflessioni dal Cielo, Meditazioni in Terra: Arte Moderna Calligrafica dal Mondo Arabo
Data: da 22/03/12 a 10/06/12

Orario

Da martedì a domenica ore 9.00 - 19.00; chiuso lunedì e 1 maggio
La biglietteria chiude un’ora prima

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Via Quattro Novembre, 94
Zona: Rione Trevi (Quirinale-Tritone-Barberini) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Biglietto unico integrato mostra e museo:
Intero: € 11,00
Ridotto: € 9,00

Per i cittadini residenti nel territorio di Roma Capitale (mediante esibizione di valido documento che attesti la residenza)
Intero: € 10,00
Ridotto: € 8,00

Gratuito per le categorie previste dalla tariffazione vigente 

Prenotazioni:
Gruppi (max 25 partecipanti): è disponibile un servizio di visite guidate, a scelta tra percorso museo e/o percorso mostra
È disponibile un servizio di prenotazione per gruppi, (max 25 partecipanti): costo addizionale per la prenotazione € 25,00
Scuole (max 25 partecipanti): è disponibile un servizio di visite guidate; è richiesta la prenotazione del turno di ingresso
Prenotazione 060608 (tutti i giorni 9.00 – 21.00)

La prenotazione per singoli visitatori è possibile solo con il pre-acquisto online del biglietto di ingresso

Acquisto online:
www.omniticket.it
Con la prenotazione è possibile evitare la fila presentandosi direttamente alla cassa. 

060608 (tutti i giorni ore 9.00-21.00)

Contatti

Descrizione

Ai Mercati di Traiano l'Alfabeto Divino della Moderna Calligrafia Araba. Una mostra che racconta al pubblico europeo la scuola artistica che si basa sull’uso dell’alfabeto arabo dove ogni lettera contiene un suo singolo significato.

“Riflessioni dal Cielo, Meditazioni in Terra: Arte Moderna Calligrafica del Mondo Arabo”, una mostra che Plutarco avrebbe definito “pittura come poesia silenziosa”, eleganti lettere arabe che attribuiscono alla parola scritta un posto di primissimo piano. Sono i capolavori della collezione permanente della Jordan National Gallery of Fine Arts, esposti ai Mercati di Traiano Museo dei Fori Imperiali, per concessione del direttore, dell’Ambasciata di Giordania, della Fondazione Roma Mediterraneo e della Camera di Commercio Italo-Araba che hanno colto e realizzato il desiderio della Principessa giordana Wijdan Al Hashemi.
Ospitata ai Mercati di Traiano Museo dei Fori Imperiali la mostra, posta sotto il patrocinio di Sua Maestà la Regina Rania Al Abdullah di Giordania, è promossa da Roma Capitale, Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico – Sovraintendenza ai Beni Culturali e vuole presentare al pubblico europeo una scuola artistica sorta nel mondo arabo dal proprio substrato culturale ed intellettuale. I
servizi museali sono di Zètema Progetto Cultura.
75 opere di 57 artisti – di cui 10 formati in Italia - provenienti da 18 paesi, arabi ma non solo, raccontano al visitatore l’unicità di uno stile artistico profondamente radicato nella storia culturale araba, adattato però al presente con l’utilizzo di tecniche e materiali attuali. Le opere esposte possono essere classificate come arte contemporanea, ma le loro origini risalgono a quindici secoli fa, quando la scrittura araba diventò una forma artistica autonoma, con regole proprie, classificazioni e varianti.
Sarà possibile ammirare la bellezza sincretica delle lettere e della scrittura araba, segni grafici che fluiscono dall’esterno verso il cuore, snodandosi da destra verso sinistra.
Ma qual è la storia della calligrafia araba? La Scuola Calligrafica si basa sull’uso dell’alfabeto arabo e veniva usata nei manoscritti miniati di argomento profano, per ornare edifici, religiosi e non, per decorare oggetti in vetro, ceramica, metallo e legno, gioielli e infinite altre superfici. Nel corso del suo sviluppo subì numerosi cambiamenti assumendo molteplici forme decorative, fino a diventare uno dei tre principali elementi ornativi dello stile arabesco, insieme a quello vegetale e quello geometrico.
Due i temi affrontati dalla Scuola Calligrafica Araba: Sacro, con temi di natura religiosa che comunicano un messaggio spirituale o morale tramite citazioni e Profano, di natura squisitamente laica.
Analizzando il panorama delle opere calligrafiche riscontriamo l’esistenza di tre stili: Calligrafia pura nella quale sono raffigurate solo lettere, dove ogni singola lettera dell’alfabeto ha un suo significato anche se isolata. Calligrafia astratta nella quale l’artista manipola l’aspetto estetico visivo della lettera araba, sottraendo ai caratteri sia la forma sia il significato. Combinazioni calligrafiche, dove calligrafia ed altri elementi si mescolano per creare un’opera d’arte: la scrittura araba forma parte della composizione, mentre il resto è costituito o da figure pittoriche e figurative o da simboli espressivi.

Parole chiave

Data di ultima verifica: 19/05/12 17:21