060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Mostre » Per un Prossimo Reale
Data: da 23/09/21 a 27/11/21

Orario

Dal 23 settembre al 27 novembre 2021
ingesso esclusivamente su prenotazione all’indirizzo www.pastificiocerere.it

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Via degli Ausoni, 7
Zona: Quartiere Tiburtino (Roma est)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Modalità di partecipazione: Prenotazione obbligatoria

Contatti

Telefono: 06 45422960

Descrizione

Una personale dell'artista Antonio Della Guardia, a cura di Vasco Forconi

Antonio Della Guardia sviluppa un'indagine sui condizionamenti imposti dal lavoro contemporaneo sul corpo, sui processi cognitivi e sulle sfere più intime della nostra vita privata, rilevandone i segni e allo stesso tempo immaginando forme e strategie poetiche di emancipazione condivisa.
Per un Prossimo Reale nasce dall’incontro con gli studi di William Horatio Bates (1860-1931), medico statunitense noto per aver elaborato un metodo di rieducazione della vista senza l’uso di occhiali. Se il metodo Bates è stato oggetto di feroci critiche da parte della comunità scientifica, che ne ha confutato l’effettiva validità terapeutica, la sua forte carica immaginifica lo ha trasformato in un oggetto di culto per studiosi non ortodossi della percezione.
 
Questo metodo, quasi un detrito della ricerca scientifica del XX secolo, rappresenta per l’artista un repertorio di possibili pratiche performative, che egli preleva e trasfigura con libertà, cristallizzandole poi all’interno di dispositivi scultorei e installativi che dispone con precisione dentro lo spazio. Nell’incontro con il visitatore ciascuno di questi dispositivi si trasforma in uno strumento progettato per stimolare processi sopiti, tanto dello sguardo quanto dell’immaginazione. Ne risulta un ambiente, una libera palestra per l’immaginazione, che il pubblico è invitato a esperire in solitudine e con lentezza.

Antonio Della Guardia (Salerno 1990) vive e lavora a Napoli. Mostre personali selezionate: La luce dell’inchiostro ottenebra, Galleria Tiziana Di Caro, Napoli, 2018; Index, Studioconcreto, Lecce, 2018. Mostre collettive selezionate: Burning Speech, a cura di I. Calderoni e B. Follini, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino, 2021; There is No Time to Enjoy the Sun, a cura di F. Del Vecchio, Fondazione Morra Greco, Napoli, 2021; Kizart, video art festival a cura di Nomas Foundation, Videogallery MAXXI, Roma, 2019; The Corrosion of Character, l’uomo flessibile, Q-International, a cura di K. Filyuk e A. Troncone, Izolyatsia Platform for Cultural Initiatives, Kiev, 2019; Mind the gap, a cura di E. Riccomi, Associazione Barriera, Torino, 2018; Samoupravna interesna zajednica u galeriji waldinger, a cura di N. Cvijanovic, Galleria Wladinger, Osijek, 2018; Disio, nostalgia del futuro, a cura di A. Tolve, La Caja, Caracas, 2017; Sensibile comune, le opere vive, a cura di I. Bussoni, N. Martino e C. Pietroiusti, Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, Roma, 2017. Nel 2016 è stato in residenza presso la Fondazione Antonio Ratti di Como. Il suo lavoro è rappresentato dalla Galleria Tiziana Di Caro.

La mostra è stata realizzata grazie al supporto dell’Istituto Italiano di Cultura di Stoccolma

Parole chiave

Data di ultima verifica: 13/09/21 07:39