060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Mostre » Nina Maroccolo. La rivoluzione degli eucalipti
Data: da 28/02/21 a 16/05/21

Orario

Dal 28 febbraio al 16 maggio 2021
Da martedì a domenica ore 10.00-18.30. La biglietteria chiude mezz'ora prima 
Chiuso lunedì

CONSULTA SEMPRE LA PAGINA AVVISI prima di programmare la tua visita al museo.

Ospitato in

Indirizzi

Indirizzo: Via Francesco Crispi, 24
Zona: Rione Campo Marzio (P.Spagna-P.Popolo-Pincio) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza
Ingresso disabili: Via Zucchelli, 7
Zona: Rione Colonna (Pantheon-Montecitorio-Barberini) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza
E’ necessario richiedere l’apertura dell’accesso disabili, citofonando in via Crispi, 24 oppure telefonando ai numeri della Galleria: 06 4742848; 06 4742909

Informazioni

Consultare la pagina: Biglietti

Tel 060608 (tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00)

Contatti

Descrizione

Nell’ambito degli eventi per l’Earth Day 2021, la più grande manifestazione ambientale del pianeta a suo tempo promossa dal Presidente USA John Fitzgerald Kennedy, nata ufficialmente nel 1970 e che coinvolge ogni anno fino a un miliardo di persone in ben 192 paesi del mondo, l’installazione/mostra di Nina Maroccolo.

Esposizione globale basata sul senso reale delle mutazioni climatiche della natura nell’esemplarità dell’eucalipto e dalle sue variazioni cromatiche, strutturali e intellettive che diventano arte per mezzo degli artifici tecnico-concettuali messi in atto dall'artista.

La rivoluzione degli eucalipti riassume in particolare un’esplorazione sinergica tra più forme d’arte, diventando un incontro con la Natura, mediato dall’Arte, che innalza i valori della comprensione, della compassione e reciprocità della Persona con la Natura stessa. "Nella loro immobilità di alberi sempreverdi – afferma Nina Maroccolo – gli eucalipti si fanno testimoni della Storia: la raccontano, la vivono, la subiscono".

L’installazione/mostra sarà abbinata ad una serie di performances, eventi sonori e readings poetici e teatrali, nella compenetrazione continua fra i diversi linguaggi dell’arte.

Parole chiave