060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Mostre » La Via delle Api
Data: da 25/02/20 a 27/06/21

Orario

Dal 25 febbraio 2021 al 27 giugno 2021
Da lunedì al venerdì
ore 9.00 - 19.00
Ultimo ingresso un'ora prima della chiusura
Chiuso 1 maggio

CONSULTA SEMPRE LA PAGINA AVVISI prima di programmare la tua visita al museo.

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Via Ulisse Aldrovandi, 18
Zona: Quartiere Pinciano (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Biglietto unico comprensivo di ingresso al museo e alla mostra:

Tariffa non residenti
Intero € 8,50 intero 
Ridotto € 7,00 ridotto 

Tariffa residenti
Intero € 7,50 intero 
Ridotto € 6,00 ridotto 
Gratuito per le categorie previste dalla tariffazione vigente. Non è attivato un biglietto solo mostra.

Ingresso con biglietto gratuito per i possessori della “MIC Card”

Promossa da
Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali - Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana e Gruppo Api Sparse

A cura di
Massimo Capula e Carla Marangoni, con la progettazione di Paola Marzoli

Contatti

Telefono: 06 67109270 - 060608
Sito web: museozoologia.museiincomuneroma.it/mostra-evento/carpe-sidera-la-meraviglia-del-cielo-sulla-bellezza-di-roma-0

Descrizione

Temporaneamente sospesa

La mostra, nata dalla collaborazione della Sovrintendenza Capitolina con il Gruppo Api Sparse e l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana, vuole accompagnare il visitatore sulla “via delle api” e dei loro prodotti.

Dal particolare ciclo vitale di questi insetti alla straordinaria organizzazione sociale e al loro fondamentale ruolo nell'impollinazione delle piante, il percorso prosegue con la presentazione dei loro principali prodotti, il miele, il polline, la propoli, delle funzioni di queste sostanze e delle applicazioni in campo alimentare, medico e agricolo. Inoltre saranno illustrate le ricerche che vengono effettuate utilizzando le api come bioindicatori, in quanto grazie ad esse si possono rilevare informazioni importantissime sul grado di inquinamento di un determinato ambiente.  Al centro del percorso verranno collocati, oltre che alcuni supporti con approfondimenti tematici, alcune attrezzature (arnie, bugni villici, maschere, smielatori) che sono utilizzate in apicoltura.  Lungo il percorso sarà possibile fare un’esperienza sensoriale simulando un viaggio all’interno di un alveare.

La mostra intende sottolineare l’importanza delle api (l’80% del cibo che arriva sulle nostre tavole è frutto del lavoro di questi e di altri impollinatori) e il loro ruolo per il mantenimento della biodiversità, sensibilizzando i visitatori alla protezione di questi straordinari insetti.

La mostra è a cura di Massimo Capula, Carla Marangoni, con la progettazione di Paola Marzoli ed è realizzata in collaborazione con il Gruppo Api Sparse – A.P.S. in apicoltura e l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Lazio e Toscana “M. Aleandri” di Roma.

La mostra è incentrata sull’ape mellifera, sulla sua organizzazione sociale e sull’importante ruolo che svolge per la conservazione della biodiversità.
Lungo il percorso espositivo viene illustrato come le api producano il miele, il polline, la propoli e la pappa reale, e quali siano le applicazioni di questi prodotti in campo alimentare, medico e agricolo.
Attraverso le attrezzature per l'apicoltura disposte al centro della sala e grazie ad un gradevole video, si potranno conoscere i segreti di questa antica arte.

Punto focale della mostra è il ruolo delle api nel mantenimento della biodiversità vegetale e animale. Le api sono inoltre ottimi indicatori biologici, poiché dalla loro presenza/assenza e dall'analisi dei loro prodotti si possono ricavare informazioni importantissime sullo stato di salute dell’ambiente. Il visitatore, a metà percorso, potrà intraprendere un viaggio multimediale ed emozionale in un alveare e sperimentare così la vita “da ape”.

La mostra si conclude con un invito a riflettere sulle cause che stanno producendo in tutto il mondo una sensibile diminuzione delle api e degli altri insetti impollinatori, il cui ruolo è importantissimo per la conservazione della biodiversità e anche per la sopravvivenza stessa della nostra specie.

Nel corso della visita il pubblico sarà guidato dall’Ape Agnese, la mascotte della mostra che, oltre a svelare alcune curiosità sulle api, è la protagonista di un gioco-quiz con risposte multiple. Al gioco potranno partecipare tutti i visitatori in possesso della App gratuita “AppAgnese”, scaricabile a breve su tutti i dispositivi mobili.

Scarica l'App su APPSTORE
Scarica l'App su Google Play Store

Le domande poste dalla App saranno uno stimolo a riflettere sulle cause della progressiva scomparsa delle api, e sulla necessità di assumere nuovi comportamenti che aiutino le api a sopravvivere. Completato il gioco, il visitatore visualizzerà sulla propria App un “Attestato di consapevolezza e impegno” che potrà essere poi condiviso sui social con l’hashtag #iostoconlapeagnese.

Parole chiave

Data di ultima verifica: 19/03/21 11:53