060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Mostre » Impressionisti e moderni. Capolavori dalla Phillips Collection di Washington
Data: da 16/10/15 a 14/02/16

Orario

Dal 16 ottobre 2015 al 14 febbraio 2016
Martedì, mercoledì e giovedì ore 10.00- 20.00
Venerdì e sabato ore 10.00- 22.30
Domenica ore 10.00 - 20.00
Chiuso lunedì

L'ingresso è consentito fino a un'ora prima dell'orario di chiusura
-----------------------------------------------------------------------

(Il Palaexpo non rientra nelle gratuità delle prime domeniche del mese)

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Via Nazionale, 194
Zona: Rione Trevi (Quirinale-Tritone-Barberini) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Fino al 17 gennaio:
- Intero
€ 12,50
- Ridotto € 10,00
- Ridotto 7/18 anni: € 6,00
- Gratuito: fino a 6 anni
- Scuole: € 4,00 per studente (da martedì a venerdì, esclusi i festivi. Min 10 - max 25 studenti).

Dal 18 gennaio al 14 febbraio     
- Intero: € 10,00
- Ridotto: € 8,00

Contatti

Descrizione

La mostra presenta 62 dipinti provenienti dal primo museo americano di arte moderna. Inaugurato nel 1921, la Phillips Collection è oggi una raccolta di opere d’arte moderna e contemporanea apprezzata in tutto il mondo.

L'esposizione, dedicata alla pittura europea e americana, è organizzata per temi e copre un periodo che va dall’inizio dell’Ottocento fino al secondo dopoguerra. In mostra un’incredibile varietà di capolavori ottocenteschi – El Greco, Ingres, Delacroix, Goya, Courbet, Daumier e Manet – che “dialogano” con i grandi maestri dell’impressionismo francese come Cézanne, Degas, Van Gogh, Monet e Sisley.

Un posto di spicco spetta ai maestri moderni che hanno plasmato la visione artistica del Novecento, tra cui Bonnard, Braque, Gris, Kandinskij, Kokoschka, Matisse, Modigliani, Picasso, Soutine e Vuillard, accanto agli americani Arthur Dove e Georgia O'Keeffe. Scoprire le opere fondamentali di grandi artisti americani ed europei del secondo dopoguerra come De Staël, Diebenkorn, Gottlieb, Guston e Rothko sarà per il visitatore un'esperienza intensa e completamente nuova.

La Phillips Collection è sostanzialmente diversa da altre istituzioni nate tra le due guerre poiché il suo fondatore, molto interessato al rapporto tra l'arte del passato e del presente, intendeva sostenere giovani artisti di vari orientamenti estetici e acquistò le opere giudicandone il merito, non perché illustravano scuole di pensiero, o erano alla moda o per il nome dei loro autori. Nel 1954, rivolgendosi alle nuove generazioni, Phillips scrisse: "Nelle nostre sale si mescolano epoche e nazionalità diverse, dipinti antichi e moderni che, accostati, acquistano senso e rilevanza in nuovi contesti, per contrasto o per analogia".

Parole chiave

Data di ultima verifica: 01/12/15 10:20