060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Mostre » Gregorio Prieto e la fotografia
Data: da 19/04/18 a 03/06/18

Orario

Dal 19 aprile al 3 giugno 2018
Mar-dom ore 10.00-18.00

-------------------------------------------------
Al fine di favorire un maggiore avvicinamento all’opera di Gregorio Prieto, l’Accademia ha organizzato un itinerario in alcuni dei luoghi in cui furono scattate le fotografie e che generalmente non possono essere visitati poiché ad accesso limitato. Pertanto, si potranno visitare il “Giardino Romantico”, la Sala dei Ritratti e la parte alta di una delle torri, da cui si gode una vista privilegiata della città.

Sabato alle ore 11.00, 12.00 e 13.00
Gruppi: max 15 persone
Prenotazione obbligatoria via telefono: tel. +39 06 5812806

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Piazza di San Pietro in Montorio, 3
Zona: Rione Trastevere (Gianicolo) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Modalità di partecipazione: Ingresso libero

Contatti

Descrizione

Prima retrospettiva dell’opera fotografica di Gregorio Prieto (Valdepeñas, 1897-1992), artista della generazione del ’27 e pensionado in questa Academia de España dal 1928 al 1933. Pur non avendo mai tenuto tra le proprie mani una macchina fotografica, compose, in collaborazione con artisti e amici, una serie di opere che lo vedevano protagonista di un racconto biografico immaginato, in cui è presente l’ammirazione per l’arte greca e latina e una personale interpretazione dell’avanguardia europea.

La mostra raccoglie il peculiare universo di Prieto attraverso tre fasi. Dalle opere realizzate durante la permanenza in Accademia insieme all’artista residente Eduardo Chicharro Briones, fino alle fotografie del suo successivo esilio a Londra –questa volta in collaborazione con lo scultore anglo-ispano Fabio Barraclough– e collage postisti e popares (adattamento nostrano della Pop Art) realizzati al ritorno in Spagna e in cui si evidenziano le forme classiche e religiose delle quali fu sempre affascinato. Giardini, terrazze e studi si riconoscono nelle immagini di un’Accademia in cui, oggi come ieri, i suoi creatori si affacciano ogni giorno sulla bellezza di Roma per innovare e sedurci con altri sguardi.

Questa mostra è resa possibile dalla generosità della Fundación Gregorio Prieto. È stata presentata presso l’Academia de Bellas Artes de San Fernando a Madrid nel 2014. Qui vengono aggiunte opere della collezione della stessa Accademia di Spagna.

Parole chiave

Data di ultima verifica: 07/05/18 08:54