060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Mostre » Filippo Rusuti e la Madonna di San Luca in Santa Maria del Popolo
Data: da 19/10/18 a 18/11/18

Orario

dal 19 ottobre al 18 novembre 2018
Tutti i giorni 9.00 - 19.00
La biglietteria chiude mezz’ora prima.

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Lungotevere Castello, 50
Zona: Rione Borgo (Castel Sant'Angelo) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Ingresso incluso nel biglietto unico di Castel Sant’Angelo e Palazzo Venezia
• unico intero € 15,00
• unico ridotto € 7,50


L’ingresso è gratuito la prima domenica di ogni mese in entrambi i siti.
Info e prenotazioni +39 06 32810410 (dal lunedì al venerdì ore 9 -18 e il sabato ore 9 - 13)
 

Contatti

Telefono: +39 06 6819111 (centralino)
Telefono: +39 06 32810 info e pren. (lun-ven 9-18; sab 9-13)
Telefono: +39 06 32810 info e pren. gruppi e scuole

Descrizione

La Madonna di San Luca, talora anche detta Salus Popoli Romani, è un’antica e preziosa icona, una delle più belle, importanti e venerate oggi esistenti. Dipinta secondo un’antica tradizione dall’evangelista Luca, l’opera viene normalmente riferita alla fine del XIII secolo.

L’immagine obbedisce a un’iconografia tradizionale dell’ambiente bizantino: attraverso il Figlio, Gesù Cristo, la Vergine è dunque “colei che mostra la via” (Odigitria). Su questo schema tradizionale l’autore intervenne inserendo una vena di pàthos diversa e originale, rappresentata dall’affetto della madre nei riguardi del figlio.

Inizialmente collocata nel complesso del Sancta Sanctorum, in prossimità della basilica di San Giovanni in Laterano, la tavola venne poi spostata nella chiesa di Santa Maria del Popolo. La versione ufficiale attribuisce la traslazione a papa Gregorio IX, che l’avrebbe posta in atto al termine di una grave pestilenza. Ben presto la tradizione colta e popolare attribuì all’immagine poteri salvifici e taumaturgici. Nel corso del XV secolo essa per esempio servì da paliotto cittadino, protagonista di tre processioni volte a scongiurare il possibile attacco dei Turchi alla città.

La mostra s’impernia sul recente restauro dell’opera, a cura di Simona Antellini. L’operazione di restauro rappresenta il punto di partenza per una riconsiderazione dell’opera in termini stilistici, iconografici e sociali, realizzata da Alessandro Tomei.

Parole chiave

Nell'ambito di

Eventi e spettacoli › Manifestazioni
Data: da 22/06/18 a 30/11/18
Data di ultima verifica: 19/10/18 10:00