060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Mostre » Chiara da Montefalco e Jean d’Amiel. Devozione e committenza in due dipinti restaurati dei Musei Vaticani
Data: a partire da 23/09/19

Orario

dal 23 settembre 2019
Sala XVII, Pinacoteca, Musei Vaticani

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Viale Vaticano, 100
Zona: Quartiere Aurelio (Roma ovest)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Biglietto: gratuito e incluso nel biglietto d’ingresso ai Musei

Ingresso gratuito ai Musei Vaticani e alla mostra ogni ultima domenica del mese.
Orario: 9.00-14.00, ultimo ingresso alle ore 12.30

Contatti

Descrizione

Tornano dopo la pausa estiva le iniziative espositive di Museums at Work: sempre nei suggestivi spazi della Pinacoteca Vaticana e sempre con progetti museali fortemente originali e simbolici.
A partire da lunedì 23 settembre saranno due figure poco note del XIV secolo, Chiara di Damiano e il vescovo Jean d’Amiel, i protagonisti della mostra “Chiara da Montefalco e Jean d’Amiel. Devozione e committenza in due dipinti restaurati dei Musei Vaticani”.

Chiara e Jean non ebbero mai occasione di incontrarsi in vita, ciononostante le loro storie si sono intersecate grazie a due opere pittoriche (esposte per l’occasione nella sala XVII della Pinacoteca) e a un oratorio, la Cappella di Santa Croce a Montefalco, che la Santa fece costruire e il Vescovo affrescare.
Sullo sfondo, la Montefalco (comune italiano nella provincia di Perugia) della prima metà del Trecento, il Papato ad Avignone e, soprattutto, un’intensa devozione popolare che artisti ancora anonimi e di grande qualità seppero interpretare con rara efficacia.

Il progetto espositivo rivela al grande pubblico – dopo nuove analisi scientifiche e un accurato restauro presso i laboratori dei Musei Vaticani – due opere che sono solitamente in arredo negli appartamenti di rappresentanza del Santo Padre: il Polittico della Chiesa di San Francesco e il Dossale della Cappella di Santa Croce a Montefalco. I dipinti erano già stati simbolicamente concessi in prestito lo scorso anno per la mostra umbra “Capolavori del Trecento. Il cantiere di Giotto, Spoleto e l’Appennino”, in occasione delle iniziative territoriali di promozione e valorizzazione artistica messe in essere all’indomani del devastante sisma che colpì il Centro Italia nel 2016.

Data di ultima verifica: 10/09/19 14:59