060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Manifestazioni » Il Palio di Ostia Antica - Palio d'autunno
Data: da 01/10/22 a 02/10/22

Orario

Palio d’Autunno, a causa delle elezioni politiche rinviato a:
sabato 1 e domenica 2 ottobre 2022

> Programma

 

Informazioni

Info mobilità e trasporti: dalle 15 alle 18, viale dei Romagnoli è chiuso al transito tra via del Castello e via Pericle Ducati. Deviate le linee 04, C4 e C13.

Contatti

Descrizione

IL PALIO DI OSTIA ANTICA
Organizzato dall’omonima associazione culturale, senza scopo di lucro, è una manifestazione moderna ambientata nel periodo rinascimentale a cavallo tra la fine del secolo XV e l’inizio del XVI, nel periodo vissuto da Giuliano della Rovere.
Non è una rievocazione storica in senso stretto, in quanto non è certificato che in quel periodo ad Ostia Antica ci sia stato effettivamente un Palio. Gli eventi che vengono rappresentati sono frutto di una elaborazione verosimile su base storica. Sono ricostruiti con rigore scientifico rispettando gli usi e costumi dell’epoca.

STORIA DELLA MANIFESTAZIONE
La manifestazione nasce agli inizi degli anni 2000 all’interno dell’Istituto comprensivo Marini-Fanelli di Ostia Antica con il nome “Dal Rinascimento alla Rinascita di Ostia Antica”.
Nel 2006 esce dal confine scolastico e prende la forma territoriale col nome di “Palio della Chiave”.
Nel 2013, avviene una radicale trasformazione con la nascita dell’Associazione
Palio di Ostia Antica e nel 2014 la manifestazione viene inserita tra gli eventi permanenti del Municipio X di Roma Capitale e successivamente la stipula di un protocollo d’intesa tra Municipio X e Associazione per la promozione del Palio.
Dal 2014 il Palio si celebra in due manifestazioni distinte:
Palio d’Estate e Palio d’Autunno.
- Il Palio d’Estate (una giornata) si celebra il sabato più vicino al solstizio d’estate (giugno) e il trofeo prende il nome di “Palietto” che viene assegnato attraverso giochi tra le contrade. Caratteristica di questa manifestazione è il Corteo Storico notturno al lume delle lanterne.
- Il Palio d’Autunno (due giornate) si celebra il fine settimana più vicino all’equinozio d’autunno (settembre) e il trofeo prende il nome di “Palio” che viene assegnato alla contrada il cui cavaliere vince il Torneo cavalleresco.
Il Torneo si svolge in tre fasi distinte: la gara di abilità e destrezza, la “Giostra della Quintana” (entrambe ad eliminazione) e la “Lizza” ultima prova finale per i due cavalieri rimasti in competizione.
Caratteristica di questa manifestazione autunnale è anche il Corteo Storico che si snoda nel centro di Ostia Antica fino a raggiungere il campo del Torneo.

ATTIVITÀ  A LATERE
Realizzazione di un Album di Figurine del Palio diffuso sul territorio Ostiense con la collaborazione delle maggiori edicole.

LE CONTRADE www.paliodiostiantica.it/le-contrade
Protagoniste del Palio sono le Contrade con i loro contradaioli.
Gli associati del Palio, in funzione del territorio di appartenenza, si raggruppano formando così le Contrade. Ciascuna contrada nomina il proprio Capitano e si caratterizza per colori, stemma, stendardo dalle altre.
Per partecipare al tradizionale Corteo Storico è indispensabile indossare il costume rinascimentale con i colori della contrada.
Le Contrade sono attualmente sei: Borgo, Castello, Gregoriopoli, Longarina, Saline,
Stagni.

CONTRADA BORGO
Borgo è una delle contrade storiche del Palio di Ostia Antica che ha per emblema il Mastio della Rocca nella veste rinascimentale rielaborata da papa Giulio II. I suoi colore sono: rosso cremisi e oro. Il suo motto è Vis unita fortior (la forza unita è più forte), in senso lato: l’unione fa la forza.

CONTRADA CASTELLO
Castello è una delle contrade storiche del Palio di Ostia Antica. Il simbolo rappresenta la Rocca di Ostia ampliata a Castello dal Cardinale Giuliano della Rovere in veste di Vescovo Decano del territorio e futuro papa Giulio II. Fu importante dogana pontificia e caposaldo militare.
I colori della contrada sono: bianco, oro e verde. Il motto: Nobilitas et Virtus (nobiltà e virtù).

CONTRADA GREGORIOPOLI
Gregoriopoli è una delle contrade storiche del Palio di Ostia Antica.
Rappresenta la cittadella fortificata voluta da papa Gregorio IV nel IX secolo per difendersi dalle incursioni saracene. Nel Rinascimento fu ampliata e abbellita anche con la costruzione della sede vescovile (Episcopio) accanto alla chiesa di S. Aurea.
Nelle mura di cinta del Borgo si può ancora ammirare la bellezza dell’Arco di accesso che la contrada riproduce nel suo gonfalone.
I suoi colori sono: nero e oro. Il motto: Castrum Fidei (fortezza di fede), ovvero, luogo di autorità (fortezza) e di perfezione (fede).

CONTRADA LONGARINA
Longarina è una contrada territoriale del Palio di Ostia Antica.
Situata all’interno della pineta di Castelfusano, è caratterizzata da una notevole presenza di Eucalipti piantumati dai Ravennati sul finire del XIX secolo per l’assorbimento delle acque dopo la bonifica della zona e di quella adiacente di Stagni. Ha per emblema nel gonfalone la Luna ed il Sole.
I suoi colori sono: rosso scarlatto e argento. Il motto: Sufficit Animus (basta il coraggio).

CONTRADA SALINE
Saline è una contrada territoriale del Palio di Ostia Antica.
Si trova nel sito che, fin dall’antichità, era così denominato per la presenza di due saline naturali sfruttate per l’importanza e il valore economico del sale. Alla fine del XVIII secolo furono abbandonate e seguirono il destino di tutto il territorio circostante: palude e malaria.
I suoi colori sono: l’azzurro in tutte le sue tonalità, il bianco e l’oro.
Il simbolo è una Garzetta Egretta, un airone dal piumaggio bianco presente ancora oggi nel territorio.
Il motto è Cum grano salis (con un granello di sale), in senso figurato ha il più ampio significato di “con un pizzico di buon senso”, “con intelligenza”.

CONTRADA STAGNI 
La Contrada Stagni è una contrada territoriale del Palio di Ostia Antica.
Si trova in un territorio limitrofo ad Ostia Antica e, nell’antichità, era caratterizzato dal mare ad ovest, lo stagno ad est e il corso del Tevere a nord.
Soltanto alla fine del XIX secolo la zona paludosa è divenuta vivibile grazie alla bonifica dei Ravennati.
I suoi colori sono: verde e oro. Lo stemma riproduce la testa di un cavallo e una rana.
Il motto è: Memento audere semper (ricorda di osare sempre).

Parole chiave

Nell'ambito di

Eventi e spettacoli › Manifestazioni
Data di ultima verifica: 29/09/22 11:25