060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Manifestazioni » Il Palazzo Ritrovato - Festa dei Musei a Palazzo Barberini
Data: 19/05/18

Orario

Sabato 19 maggio 2018

Le visite guidate (max 25 persone, fino ad esaurimento posti disponibili) sono gratuite previo acquisto del biglietto. È possibile effettuare la prenotazione in biglietteria.

-          h.10.30 Il palazzo ritrovato: le nuove sale dell'ala Sud

-          h.11.30 Settecento illuminato: l’appartamento di Cornelia Costanza Barberini (con accesso dallo scalone del Bernini e uscita dallo Scalone del Borromini)

-          h.15.30 Il palazzo ritrovato: le nuove sale dell'ala Sud

-          h.17.00  Da Raffaello a Serra: visita ai capolavori della mostra Eco e Narciso. Ritratto e autoritratto nelle collezioni del MAXXI e delle Gallerie Nazionali Barberini Corsini

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Via delle Quattro Fontane, 13
Zona: Rione Trevi (Quirinale-Tritone-Barberini) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Contatti

Telefono: +39 06 4814591
Fax: +39 06 4880560

Descrizione

In occasione della terza edizione della Festa dei Musei, le Gallerie Nazionali di Arte Antica di Roma organizzano una giornata di visite guidate ispirate al tema Musei iperconnessi: nuovi approcci, nuovi pubblici

Palazzo Barberini è uno scenario privilegiato per illustrare questo tema:

perché nel meraviglioso contenitore che è la reggia barocca della famiglia di papa Urbano VIII si cela una perla rococò: l'appartamento del 700 al secondo piano che connette i due scaloni monumentali di Bernini e Borromini

perché dal 18 maggio Palazzo Barberini ospita nei nuovi ambienti dell'Ala Sud del piano nobile la mostra Eco e Narciso, realizzata in collaborazione col MAXXI: un percorso che consente di fruire le nuove sale recentemente riacquisite dal Ministero della Difesa, e finalmente connesse al museo

perché offre l'opportunità di mettere a confronto i grandi capolavori della ritrattistica della galleria con le opere di autori contemporanei, gettando un ponte tra le espressioni artistiche di epoche diverse

perché l'ampliamento del percorso espositivo permette al visitatore di rendersi pienamente conto di quanto il palazzo restituito a una completa fruizione dialoghi con l'ambiente circostante, con cui è connesso tramite scaloni monumentali,rampe, accessi secondari,e persino un ponte ruinante.

Parole chiave

Data di ultima verifica: 16/05/18 10:12