060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Manifestazioni » Giornate FAI di Primavera XXV ed. (25-26 marzo 2017)
Data: da 25/03/17 a 26/03/17

Orario

Sabato 25 e domenica 26 marzo 2017

AVVISO: A causa dell'intensificarsi delle misure di sicurezza a Roma, il Complesso di Trinità dei Monti, Palazzo Baldassini, la Domus Aurea, l'Auditorium di Mecenate, il Centro Studi Americani in Palazzo Mattei saranno visitabili solamente domenica 26 marzo.

Rimane visitabile sia sabato che domenica solo il Parco di Villa Gregoriana a Tivoli.

Ospitato in

Informazioni

In caso di grande affluenza gli ingressi potrebbero essere sospesi prima dell'orario di chiusura indicato

 

Modalità di partecipazione: Visita gratuita

Contatti

Telefono: +39 06 6896752
Sito web: www.giornatefai.it

Descrizione

Venticinquesima edizione delle Giornate FAI di Primavera, un grande spettacolo di arte e bellezza dedicato a tutti coloro che hanno a cuore il patrimonio culturale e ambientale italiano. Potranno essere ammirati centinaia di siti particolari, spesso inaccessibili o generalmente chiusi.

PROGRAMMA APERTURE A ROMA E PROVINCIA

COMPLESSO DI TRINITÀ DEI MONTI
Piazza della Trinità dei Monti, 3
Il Collis Hortulorum di epoca romana, dal XV secolo ospita il monastero dei Frati Minimi, l’ordine creato da San Francesco di Paola, per la cui decorazione sono stati chiamati i migliori artisti in Roma. Nel Seicento si arricchisce di mirabili creazioni scientifiche e due strabilianti anamorfosi. La più grandiosa illusione pittorica del convento, tuttavia, viene realizzata da Andrea Pozzo, che trasforma il refettorio nel palazzo delle cento colonne. L’occupazione napoleonica poi determina la dispersione dell’Ordine e il saccheggio del convento. Nel XIX secolo il complesso accoglie la scuola francese voluta da François René de Chateaubriend; tale scelta pedagogica persiste sia sotto la guida delle Suore del Sacro Cuore, sia con l’attuale Communautè de l’Emmanuel.
Visitabile solo domenica: 10 - 18. Aperto a tutti con corsie preferenziali iscritti FAI, possibilità di iscriversi al FAI in loco.
Contributo suggerito a partire da 3 €
N.B. Ingresso ultimo gruppo alle 17.30. In caso di grande affluenza le code potrebbero venire sospese prima dell'orario di chiusura indicato. Possibilità di iscriversi al FAI la settimana precedente l'iniziativa presso la Delegazione di Roma, Piazza dell'Enciclopedia Italiana 50.

PALAZZO BALDASSINI
Via delle Coppelle, 35
Per il suo palazzo in Via delle Coppelle il giurista Melchiorre Baldassini si rivolse ad Antonio da Sangallo il Giovane il quale, tra il 1515 ed il 1518, eresse “il più comodo e primo alloggiamento di Roma”: ambienti eleganti e splendidamente affrescati da Perin del Vaga ed artisti della scuola di Raffaello, secondo un programma dal significato non ancora interamente chiarito, nel quale “l'avvocato dei poveri” Baldassini riassunse i valori fondanti della sua esistenza.

Visitabile solo domenica: 10 - 18. Aperto a tutti con corsie preferenziali iscritti FAI, possibilità di iscriversi al FAI in loco.
Contributo suggerito a partire da 2 €
N.B. Ingresso ultimo gruppo alle 17.30. In caso di grande affluenza le code potrebbero venire sospese prima dell'orario di chiusura indicato. Possibilità di iscriversi al FAI la settimana precedente l'iniziativa presso la Delegazione di Roma, Piazza dell'Enciclopedia Italiana 50

DOMUS AUREA
Via della Domus Aurea, 1
Subito dopo l’incendio del 64 d.C., che distrusse gran parte del centro di Roma, l’imperatore Nerone fece costruire una nuova residenza, molto più grande e più lussuosa di quella che aveva sul Palatino, con le pareti ricoperte di marmi pregiati e le volte decorate d’oro e di pietre preziose: la Domus Aurea. La dimora, che si estende dall’Esquilino al Palatino, è tornata di recente al suo antico splendore, con trentamila metri quadrati di affreschi e di intonaci dipinti, all’interno dei 153 ambienti finora scavati: nella fastosa residenza di Nerone i colori originari, che tanto affascinarono gli artisti del Rinascimento, sono tornati a risplendere nella loro grandiosità. 

Visitabile solo domenica: 10 - 18. Aperto a tutti con corsie preferenziali iscritti FAI, possibilità di iscriversi al FAI in loco.
N.B. Ingresso ultimo gruppo alle 17.30. In caso di grande affluenza le code potrebbero venire sospese prima dell'orario di chiusura indicato. Possibilità di iscriversi al FAI la settimana precedente l'iniziativa presso la Delegazione di Roma, Piazza dell'Enciclopedia Italiana 50.
Contributo suggerito a partire da 2 €

CENTRO STUDI AMERICANI IN PALAZZO MATTEI DI GIOVE
Via Caetani, 32
Il palazzo Mattei di Giove, che occupa la parte sud-orientale della vasta insula Mattei, fu costruito tra la fine del '500 e l'inizio del '600 per Asdrubale Mattei su progetto di Carlo Maderno. Il suo cortile ornato sulle pareti da una moltitudine di rilievi antichi, come in un museo open air, è uno dei più belli nei palazzi romani. Al piano nobile si conservano magnifici dipinti eseguiti dagli artisti più importanti del primo '600 quali Lanfranco, Albani, Pomarancio. Spicca per la sua bellezza la Galleria con gli affreschi di Pietro da Cortona, una delle prime opere dell'artista a Roma.

Visitabile solo domenica: ore 10 -18. Aperto a tutti con corsie preferenziali iscritti FAI, possibilità di iscriversi al FAI in loco.
N.B. Ingresso ultimo gruppo alle 17.30. In caso di grande affluenza le code potrebbero venire sospese prima dell'orario di chiusura indicato. Possibilità di iscriversi al FAI la settimana precedente l'iniziativa presso la Delegazione di Roma, Piazza dell'Enciclopedia Italiana 50.
Contributo suggerito a partire da 3 €

AUDITORIUM DI MECENATE
Via Merulana, angolo Largo Leopardi
Il cosiddetto Auditorium di Mecenate, così identificato appena scoperto a causa della presenza di una gradinata nell'abside, è stato riconosciuto in realtà come il Ninfeo di un grande triclinio estivo nella vasta e lussuosa residenza di Mecenate, il famoso statista collaboratore ed amico di Augusto. Alla sua funzione di triclinio infatti richiamano sia i versi del poeta greco Callimaco, dipinti sulla parete esterna dell'emiciclo, che alludono agli effetti del vino durante un simposio, sia la ricca decorazione delle nicchie affrescate con elementi mitologici e motivi ornamentali e naturalistici che davano agli ospiti l'impressione di affacciarsi su lussureggianti giardini.

Visitabile solo domenica: ore 10 - 18. Aperto a tutti con corsie preferenziali iscritti FAI, possibilità di iscriversi al FAI in loco.
Contributo suggerito a partire da 2 €

PARCO VILLA GREGORIANA
Largo Sant'Angelo, Tivoli
Boschi, cascate, sentieri, antiche vestigia, grotte naturali, un fiume inghiottito nella roccia e una spettacolare cascata. Poco distante da Roma, al cospetto dei celebri templi romani di Tivoli, Villa Gregoriana è un parco romantico di fine Ottocento, meta di viaggiatori del Grand Tour, artisti, re e imperatori.

Orario sabato: 10 - 18.30
Orario domenica: 10 - 18.30
Contributo suggerito a partire da 5 €
Ultimo ingresso ore 17.30

Visite a cura degli Apprendisti Ciceroni: Liceo Scientifico “Lazzaro Spallanzani”, Liceo Artistico e Liceo Classico “Amedeo di Savoia” , IPIAS "Olivieri"
Visite introduttive anche in Inglese ore 11,12.30, 14, 15.30, 16.45
A Parco Villa Gregoriana saranno allestiti stand dedicati all’artigianato di alta qualità.

A cura di

Cultura e svago › Istituzioni culturali › Strutture culturali
Data di ultima verifica: 24/03/17 08:43