060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Incontri » Doppio passo
Data: da 25/10/18 a 07/12/18

Orario

Dal 25 Ottobre al 7 Dicembre 2018
Il 25 Ottobre ore 18.00
Dal Lunedì al Venerdì dalle ore 09.30 alle 18.30

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Piazza dell'Orologio, 3
Zona: Rione Ponte (Via Coronari-Ponte Vittorio) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Modalità di partecipazione: Ingresso libero

Contatti

Descrizione

Incontri di Arte e Letteratura
Inaugurazione giovedì 25 ottobre ore 18 di Doppio Passo. Incontri di Arte e Letteratura, a cura di Maria Ida Gaeta. Alle ore 19, presentazione del libro di Andrea Fogli "DIARI D’OPERA Libri e edizioni d’arte 1984-2018", dedicata al percorso artistico ed editoriale narrato dall’esposizione a cui parteciperanno con l’artista STEFANO CHIODI MONICA FERRANDO VALERIO MAGRELLI.
Nella seconda metà di novembre, in un angolo del giardino, verrà inaugurata con una LETTURA di FABIO COCCETTI, JACOPO RICCIARDI e BEPPE SEBASTE la scultura “LETTORE” di Andrea Fogli.
In occasione della pubblicazione di due nuovi libri di Andrea Fogli, il Diario della polvere e dell'argilla, edito da Quodlibet e introdotto da Giorgio Agamben, e Santini apocrifi, pubblicato da Corraini con postfazione di Lorand Hegyi, questa mostra vuole sottolineare il costante rapporto tra immagine e scrittura presente fin dall’inizio nella ricerca dell’artista presentando i libri e le edizioni d’arte realizzate dal 1984 ad oggi, oltre a venticinque opere su carta riprodotte nei due libri appena pubblicati
Per Andrea Fogli, che non ha mai realizzato cataloghi ma solo libri, il libro è una realtà autonoma e parallela in cui ha raccolto di volta in volta serie e temi specifici del suo lavoro artistico e insieme gli scritti - i “diari” - che hanno accompagnato il percorso creativo ed esistenziale che ha generato i diversi cicli di opere. La necessità di un rinnovato dialogo tra immagine e parola, ora di nuovo in auge grazie alla “narrative art” dopo che da oltre un secolo si è inseguita la purezza dell’espressione visiva, e poi la sterile tautologia concettuale, è da 35 anni un punto focale della ricerca dell’artista romano, figura inusuale di artista-scrittore. E’ anche per questo che il suo dialogo previlegiato si è svolto principalmente con scrittori e filosofi, da Valerio Magrelli (Dimora nel vuoto, ed.Bulla 1984) a Daniele Pieroni ( Vittoria Colonna e Michelangelo, ed.Il Bulino 2005), Marco Tonelli (La stanza nuda, Corraini 2004) e Mimma Pisani (Atlante, ed.Gas Gallery 2003), da Benoit Angelet (Discorso sull’evanescenza e la resurrezione delle forme, Odilon 2012) a Giorgio Agamben (Diario della polvere e dell'argilla, Quodlibet 2018); o con personalità sui generis come Peter Weiermair, Jan Hoet, Lorand Hegyi, Efi Strousa, Graziella Lonardi, Giovan Battista Salerno, Tommaso Trini, Claudia Terenzi e Stefano Chiodi, presenti con loro scritti in altri libri documentati in mostra, dal Diario delle ombre (Kerber/Incontri Internazionali d’Arte, 2006) a Scala Reale (Diagonale/Galleria d’Arte Moderna di Bologna, 2002), da Ogni Cosa (Tuttisanti, 2013) a La voce di Methoni (Dimore, 1990) e Aurora Occidentale (ed.Galliani, 1994).
L’importanza, la centralità del libro, non solo come luogo privilegiato del dialogo tra immagini e parole, ma anche come oggetto-opera che va definita nel suo complesso, è ribadita dal fatto che Fogli, oltre ad aver creato delle micro case editrici non commerciali, “Dimore” nel 1990 e “Odilon” nel 2010, ha ideato la struttura e l’impaginazione di tutti i libri ed edizioni d’arte ora in esposizione.
Nelle grandi teche della Casa delle Letterature, oltre ai libri sopra indicati, saranno presenti i tre numeri della rivista La Società Lunare (1993/1995), curata da Andrea Fogli e Stefano Chiodi, e, tra varie edizioni d’arte, anche Profezie del viaggio notturno (Dimore 1990), con testi e immagini tutti incisi all’acquaforte, e Tre incisioni di Andrea Fogli per tre profezie di Leonardo (ed. Biancoenero, 1984), che è stato poi il primo libro-opera ideato dall’artista, punto di partenza di tutto il suo percorso artistico, del suo narrare o ragionare per immagini - ora grazie alle immagini, ora grazie alle parole. In mostra saranno presenti anche alcune opere riprodotte nei due libri appena pubblicati: sulla parete di fondo della galleria espositiva della Casa delle Letterature i 59 disegni del Piccolo diario dei 59 grani di polvere realizzato in occasione della pubblicazione del Diario della polvere e dell’argilla, mentre sulle colonne alcuni dei Santini apocrifi pubblicati da Corraini.

Parole chiave

Data di ultima verifica: 17/10/18 11:33