060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Danza » Il lago dei cigni - BALLETTO DEL SUD
Data: da 02/11/19 a 03/11/19

Orario

2 novembre 2019 ore 21.00
3 novembre 2019 ore 15.00
3 novembre 2019 ore 19.00

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Piazza Gentile da Fabriano, 17
Zona: Quartiere Flaminio (Roma nord)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Botteghino del Teatro Olimpico Piazza Gentile da Fabriano 17
Orario dal lunedì al venerdì orario 10.00-13.00 e 14.00 – 18.00 fino all’8 settembre.
Dal 9 settembre orario continuato 10.00 – 19.00 tutti i giorni.

TELEFONO 063265991
E-mail: biglietti@teatroolimpico.it

Scrivendo a biglietti@teatroolimpico.it  è possibile anche acquistare con Carta di Credito Visa e MasterCard (commissione aggiuntiva: € 1 a biglietto), lasciando un recapito telefonico verrete richiamati da un operatore.

Online
È sempre possibile acquistare biglietti e abbonamenti direttamente presso la nostra biglietteria online

La programmazione potrebbe subire modifiche o annullamenti. Si consiglia di verificare il sito e/o la pagina facebook del teatro.

 

Contatti

Telefono: 06 3265991

Descrizione

IL LAGO DEI CIGNI

La leggenda della donna-cigno, emblematica e seducente, ci riporta al complesso di miti e leggende riguardanti le metamorfosi di un essere umano in animale. Nascosta dietro il classico atteggiamento del cigno si cela il personaggio di una donna eroina e vittima per eccellenza, Odette, appunto, cigno bianco.

Diversa è Odile, cigno nero, che rappresenta la seduzione, la “belle dame sans merci”, la sinuosa che inganna con l'aspetto. Il cigno bianco è la donna angelicata, l'ideale che lo accompagna tutta la vita. Il cigno nero è la “femme” tout court che lo riscatta dalle insicurezze.

E Siegfried, diversamente da altri prìncipi del balletto, rappresenta un po' l'uomo terrorizzato dalla paura di crescere. Spaesato, dai sentimenti eterni, si trova di fronte al non facile dilemma dell'universo femminile.

Da qui l'intuizione di Fredy Franzutti, oggi uno dei coreografi più apprezzati nel panorama nazionale, di ambientare il suo Lago dei Cigni nella Baviera "fin de siècle" di Ludovico II che proprio negli anni della composizione fu dichiarato pazzo e deposto. Citazione diretta nella bella scenografia dipinta che rappresenta il favoloso castello di Neuschwanstein - dimora privata di Ludwig -, che non a caso letteralmente, in italiano, significa: Il Castello della Nuova Pietra del Cigno.

balletto in due atti

coreografia di Fredy Franzutti

musica di Piotr Il'ič Čaikovskij

scene Francesco Palma

Parole chiave

Data di ultima verifica: 14/08/19 11:34