060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Verde » Riserve e parchi naturali » Riserva Naturale dell'Insugherata
Tipologia: Riserva naturale

Indirizzo

Indirizzo: Via Paolo Emilio Castagnola
Zona: Suburbio Della Vittoria (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Contatti

Telefono: 0039 06 35405310 RomaNatura
Telefono: 0039 06 43409480 Info Coop. Climax
Cellulare: 329 0822160 Dott. David Massaroni - 339 5793993 Dott. Alessandro Morgutti

Orario

Aperto dall'alba al tramonto

 

Informazioni

Visita guidata € 8,00 a partecipante
La Climax organizza visite guidate tematiche, nel fine settimana, all'interno della R.N. dell'Insugherata. La visita sarà condotta da personale qualificato nell'ambito delle discipline naturalistiche.
Durata circa 4 ore  
Numero minimo di partecipanti per attivare l'escursione: 12 persone
Sconto per gruppo numeroso
Per ulteriori chiarimenti Info Coop. Climax: 329 0822160 - 06 43409480 - info@insugherata.com

www.insugherata.com/educazione-ambientale/visite-guidate.html

Eventi in programma

Descrizione

La Riserva è stata istituita nel 1997. Si trova nella parte nord-ovest di Roma, tra la via Cassia, la via Trionfale e via Cortina d’Ampezzo. Il paesaggio è quello tipico collinare, con ampi pianori sulla sommità delle colline e lunghi fondovalle; quello principale è attraversato dal Fosso dell’Acqua Traversa, che scorre parallelamente alla via Cassia. La vegetazione presenta caratteristiche diverse. Le zone più fresche sono caratterizzate dalla presenza di caducifoglie come la farnia, il carpino, il cerro, l’agrifoglio, il castagno e il nocciolo; le specie arboree delle zone più esposte al sole sono invece la sughera (da cui l’area prende nome), la roverella e il farnetto. Lungo i fossi sono attestati prevalentemente salici e pioppi.

Ricchissima anche la fauna: tra i mammiferi sono presenti la volpe, la donnola, l’istrice, il tasso, il moscardino; tra i rapaci il gufo, l’allocco, la civetta e il barbagianni. Nella riserva nidificano inoltre molte specie di uccelli; tra questi l’upupa, il gheppio, il cuculo, il picchio e il nibbio. I rettili comprendono la biscia d’acqua dal collare, la vipera e il ramarro, mentre tra gli anfibi si possono incontrare il rospo, la raganella e la salamandra.

L'area del parco è in parte corrispondente all'antica tenuta già censita nel Catasto Alessandrino (1660) con il nome di Inzuccherata. La zona dell’Insugherata è ricca anche di presenze archeologiche; tra queste la più famosa è senz’altro la cosiddetta “Tomba di Nerone”, visibile lungo la Cassia. Si tratta in realtà del sepolcro, databile al II-III secolo d.C., di Publio Vibio Mariano, Prefetto della Terza Legione Gallica. Nella zona dell’Acqua Traversa, dove ora si trova villa Manzoni, sorgeva invece la villa dell’imperatore Lucio Vero (161-169 d.C.), mentre recenti scavi effettuati nel 1999 per la costruzione del nuovo cavalcavia di Ottavia hanno rivelato la presenza di tombe relative ad un insediamento etrusco del VI secolo a.C. Lungo la via Trionfale, al confine con la riserva, passa inoltre, con un percorso sotterraneo, l’acquedotto Traiano-Paolo, costruito dall’imperatore romano (98-117 d.C.) e ripristinato nel 1612 da papa Paolo V, che porta a Trastevere l’acqua del lago di Bracciano, giungendo fino al Fontanone del Gianicolo. Si conserva inoltre l’antico Casale dell’Insugherata, insieme ad alcune aziende agricole di proprietà pubblica.

Vedi anche

Cultura e svago › Beni culturali › Beni archeologici
Data di ultima verifica: 02/04/13 14:42