060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Verde » Riserve e parchi naturali » Parco Naturale Pantanello
Tipologia: Monumento naturale

Contatti

Orario

Pantanello è aperto al pubblico tutte le domeniche da ottobre a marzo.
L'ingresso è regolato da una visita guidata, con partenza alle ore 10.00, per la durata di 2 ore e 30 minuti circa. Non sono previsti altri turni di visita guidata.
La prenotazione è obbligatoria inviando un'email a caetani.monumentonaturale@panservice.it
entro e non oltre il giovedì precedente la visita guidata.
Nella richiesta specificare il giorno, il numero dei partecipanti e si prega, per fini organizzativi, fornire un recapito telefonico che potrà essere contattato anche il giorno di visita.
________________________________________________________________________

Per gruppi organizzati (minimo 20 partecipanti) rimane la possibilità di prenotarsi in qualsiasi giorno dell'anno, per le modalità di prenotazione consultare le informazioni per GRUPPI e SCUOLE a piè della pagina www.fondazionecaetani.org/visita_pantanello.php

Indirizzo del Parco Naturale Pantanello
Via Provinciale Ninfina, 66 - Doganella di Ninfa - 04012 Cisterna di Latina

Informazioni

Ingresso a persona:
Individuale € 6,00
Minori al di sotto degli 11 anni accompagnati da un genitore: gratuito
(non valido per i gruppi)

Descrizione

Il Parco Naturale Pantanello, che si estende per cento ettari al di fuori delle mura del Giardino di Ninfa, è un esempio di ricostituzione dell’ambiente originario delle Paludi Pontine.

Per visitare il Parco Naturale Pantanello, clicca QUI.

Grazie a finanziamenti europei e regionali, la Fondazione Roffredo Caetani, su un’area di circa cento ettari precedentemente destinata a colture agricole, ha realizzato un’opera di rinaturalizzazione, attraverso la ricostituzione di ambienti umidi che, ampiamente diffusi nel recente passato della Pianura Pontina, sono oggi sostanzialmente scomparsi o identificabili in porzioni limitate. Su un territorio caratterizzato da un elevato valore storico, ambientale e paesaggistico, tuttavia fortemente trasformato da recenti dinamiche economiche e sociali, è stata creata nuova natura attraverso habitat favorevoli al sostegno della rete ecologica e all’incremento della biodiversità.
                                                
L’idea di rinaturalizzare il terreno dell’azienda agricola della Fondazione Caetani adiacente il Giardino di Ninfa, nacque per caso nel 1991 durante una passeggiata.
Al termine del Consiglio Generale della Fondazione, Fulco Pratesi, Presidente del WWF Italia e consigliere della Fondazione, Arturo Osio, Presidente della stessa dal 1998 al 2007, e Lauro Marchetti, Segretario Generale e Direttore del Giardino di Ninfa, fecero una passeggiata fuori la cinta muraria della città morta di Ninfa. Era una giornata luminosa di inizio estate. La spianata che si apriva davanti ai loro occhi era un anonimo campo di erba medica, con pochi alberi. Pochi anche gli uccelli, gli unici canti arrivavano dal Giardino e dai bordi dove erano state piantate diverse querce nel corso degli anni erodendo qualche metro di terreno agricolo. Niente di più. Passeggiarono sul viale delle noci piantato qualche anno prima. Un Germano reale volò sulle loro teste e si posò leggero nel fiume. Fulco Pratesi chiese: "Cosa c'era prima qui?", "Acquitrini per gran parte dell'anno e tanto verde, abbiamo foto e stampe dell'epoca" rispose Lauro Marchetti. Gli occhi di Fulco Pratesi e di Arturo Osio si spalancarono, Fulco Pratesi disse entusiasticamente: "Vogliamo essere un po’ pazzi? Ricreiamo la palude!”.

Parole chiave

Vedi anche

Cultura e svago › Verde › Riserve e parchi naturali
Data di ultima verifica: 10/01/17 11:55