060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Luoghi e utilità per lo spettacolo » Sale da concerto » Conservatorio di Musica di Santa Cecilia
Tipologia: Auditorium

Indirizzo

Indirizzo: Via dei Greci, 18
Zona: Rione Campo Marzio (P.Spagna-P.Popolo-Pincio) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Contatti

Telefono: 06 36096720
Fax: 06 36001800

Descrizione

Il Conservatorio di Musica "S.Cecilia" di Roma conta ormai 130 anni. Le sue radici storiche e culturali risalgono però molto più indietro e si identificano in quelle dell’antica Vertuosa compagnia de’ musici poi Congregazione de’ Musici di Roma sotto l’invocazione di S.Cecilia (1565), diventata Accademia, prima pontificia poi regia, e infine definitasi come Accademia Nazionale di Santa Cecilia. La Congregazione si affermò come l’istituzione più importante per la formazione dei musicisti romani. Grazie a varie concessioni papali, per esercitare la professione nello Stato Pontificio di maestro di cappella bisognava superare un esame presso la Congregazione ed era proibito eseguire musiche non approvate dalla Congregazione stessa.

Fin dai primi decenni del XIX secolo era emersa l’esigenza di creare in seno alla gloriosa istituzione una scuola di musica. Negli anni del soggiorno romano di Gaspare Spontini (1839-40) sembrava che l’idea stesse concretizzandosi grazie anche alla spinta del prestigioso compositore che era stato designato come direttore della scuola, ma l’impresa fallì soprattutto per lo scetticismo dimostrato dalle autorità del Governo pontificio.

La nascita del primo nucleo della scuola di musica si deve a Giovanni Sgambati, pianista e compositore di fama internazionale, allievo di Liszt e grande didatta. Sgambati ottenne nella sede dell’Accademia la concessione di un locale dove poter svolgere un corso gratuito di pianoforte riservato ad allievi meritevoli e poco abbienti. Seguì subito il suo esempio Ettore Pinelli che istituì a sua volta un corso gratuito di violino. Era il 1869. Il 23 maggio dell’anno successivo il Cardinale Visitatore Camillo Di Pietro decretò ufficialmente l’apertura ufficiale delle due scuole con dieci allievi ciascuna, aumentabili a seconda del numero delle domande. Tale atto sancisce di fatto la nascita di un istituto musicale.

La ventata di rinnovamento politico e culturale che percorse Roma con la presa di Porta Pia e l’ingresso dell’esercito regio colpì anche la Congregazione di Santa Cecilia che fu secolarizzata diventando Regia Accademia di Santa Cecilia. A Sgambati e Pinelli si unirono ben presto Fernando Forino (violoncello) Vedasto Vecchietti (ottoni) Alessandro Orsini (canto) nomi che rappresentavano il meglio del professionismo musicale in quegli anni a Roma. Anch’essi prestarono la loro opera gratuitamente. Furono incominciate le pratiche per il riconoscimento della Scuola da parte del Ministero della pubblica Istruzione. Il riconoscimento Ministeriale arrivò nel 1875 con una sovvenzione annua di L.10.000.La Scuola di musica divenne Liceo Musicale. Nel maggio 1876 il Ministro concesse una parte dell’ex monastero delle Suore Orsoline con ingresso in Via dei Greci. I locali furono ristrutturati secondo le esigenze di un istituto musicale e consegnati il 17 luglio dello stesso anno. Alla Liceo Musicale fu annessa la Biblioteca dell’Accademia. Lo Stato provvide ad acquistare l’importante fondo musicale messo in vendita da Alessandro Orsini creando le premesse per una grande biblioteca aperta al pubblico. Delle complesse vicende della Biblioteca, oggi fra le più importanti a livello internazionale, si parlerà più avanti.

Il Liceo Musicale "S.Cecilia" si avviò ad una rapida espansione. Grazie agli assegni del Regio Governo e delle Amministrazioni provinciale e comunale divenne economicamente indipendente dall’Accademia e finalmente gli insegnanti che per tanti anni prestarono gratuitamente la loro opera poterono avere il loro stipendio. Nel 1886 viene approvato con Regio decreto lo Statuto. Gli insegnamenti impartiti sono: composizione, canto, organo, pianoforte, violino e viola, violoncello, contrabbasso, flauto, oboe, clarino, fagotto, corno, tromba e trombone, arpa, strumenti a percussione, solfeggio, storia ed estetica musicale, diritti e doveri, declamazione e gesto, letteratura poetica e drammatica, lingua italiana, latina e aritmetica, lingua francese e altre lingue estere viventi, geografia e storia, paleografia musicale. I docenti erano complessivamente 43 e gli allievi 315. Nei primi 25 anni del Liceo vi erano stati 1.595 allievi mentre il numero dei "licenziati" ammontava a 443.

La scuola di "declamazione e gesto" diretta da Virginia Marini si distaccò nel 1893 divenendo la Scuola di recitazione "Eleonora Duse" che nel 1935 divenne l’attuale Accademia Nazionale d’Arte Drammatica la cui presidenza fu affidata a Silvio d’Amico. Alla morte del grande storico e critico teatrale l’Accademia prese il suo nome.

Occorrendo una grande sala per le manifestazioni accademiche, i saggi e gli esami del Liceo fu dato mandato nel 1881 all’architetto Pompeo Coltellacci di elaborare un progetto "basato su quanto di meglio esiste in questo genere nei principali centri musicali". L’edificio doveva sorgere su un’area ricavata dal giardino dell’ex convento. La Sala Accademica fu inaugurata nel 1895 dalla Regina Margherita che contribuì personalmente con L.10.000 al finanziamento dei lavori. Con i suoi 795 metri quadri e 14 metri d’altezza era la sala concerti più grande di Roma; fornita di un grande organo, costruito dalla ditta E.F. Walcker di Wuttemberg, e di un’acustica perfetta poteva contenere, a detta delle relazioni del tempo, "seduti e in piedi" 1200 spettatori. Sulle tavole di quel prestigioso palco si esibirono fino ad una trentina d’anni orsono per i concerti dell’Accademia i più grandi musicisti del tempo; ma anche mossero i primi passi della loro carriera i migliori allievi del Liceo e del Conservatorio.

Nel 1911 il Liceo Musicale diviene ente morale autonomo (L.9.2.11 n.127) e nel 1919 fu "regificato" ossia statalizzato (L.22.8.19 n.227) separandosi così definitivamente dall’Accademia. Con il decreto per il riordino degli istituti di istruzione artistica (DL.11.12.23 n.2123) il Liceo Musicale assunse l’attuale denominazione di Conservatorio di Musica "S.Cecilia".

(fonte: sito ufficiale del Conservatorio di Santa Cecilia)

Parole chiave

A cura di

Eventi e spettacoli › Manifestazioni
Data: da 12/07/19 a 26/07/19
Data di ultima verifica: 09/01/19 13:59