060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Luoghi di culto di interesse storico-artistico » Chiese cattoliche » Santa Francesca Romana al Palatino (Santa Maria Nova)
Tipologia: Basilica minore, Chiesa non parrocchiale

Indirizzo

Indirizzo: Piazza di Santa Francesca Romana, 4
Zona: Rione Campitelli (Foro Romano- Campidoglio-P.Venezia) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Contatti

Telefono: +39 06 6795528
Fax: +39 06 69940205

Orario

Visitabile tutti i giorni ore 10.00 - 12.00 / 15.00 - 17.00
Durante le celebrazioni non è consentito visitare la Chiesa.
Per gli orari delle SS. Messe telefonare alla Chiesa
Gli orari possono subire cambiamenti. Si suggerisce di verificare contattando la chiesa

Descrizione

La chiesa è dedicata a Santa Francesca Romana, suora benedettina, patrona degli automobilisti (di cui ricorre la festa, il 9 marzo) che fu santificata nel 1608 perché dedita ad aiutare i poveri e gli infermi. La struttura incorporò l'oratorio dei Santi Pietro e Paolo, che nel secolo VIII papa Paolo I aveva ricavato nel portico del Tempio di Venere.

La chiesa fu ricostruita nel XIII secolo per volontà del papa Onorio II e fu spesso rimaneggiata. La facciata, di Carlo Lombardi (1615), è tutta di bianco travertino e si alza nella parte mediana, a timpano coronato da statue, con un ordine di due coppie di lesene. Comprende in alto un balcone ed è raccordata al portico che si estende in basso. L'alto campanile romanico è ornato da finestre a doppie bifore. L'interno è ad una sola navata con cappelle laterali ed un ricco soffitto a cassettoni. Nell'abside presenti i mosaici del XII secolo raffiguranti la Madonna col Bambino e Santi. Nella chiesa si trova una lastra di pietra con le impronte, si dice, delle ginocchia di San Pietro e San Paolo. Tra le opere presenti si segnalano il gruppo scultoreo della "Confessione", disegnato da Gian Lorenzo Bernini, situato in fondo alla navata, e il dipinto La Natività di Carlo Maratta, nella prima cappella a sinistra.

Dal 1352 la chiesa è officiata dai Benedettini di Monteoliveto.
Data di ultima verifica: 30/11/15 12:09