060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Luoghi di culto di interesse storico-artistico » Chiese cattoliche » Chiesa San Giovanni Battista dei Genovesi
Tipologia: Chiesa non parrocchiale

Indirizzo

Indirizzo: Via Anicia, 12
Zona: Rione Trastevere (Gianicolo) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Contatti

Telefono: +39 06 5812416
Fax: +39 06 5812416

Orario

La chiesa è aperta solo durante le funzioni liturgiche.

Orari di apertura del chiostro quattrocentesco
Martedì e giovedì ore 14.00-16.00 (ora solare); ore 15.00-18.00 (ora legale)
Durante le celebrazioni non è consentito visitare la Chiesa.
Per gli orari delle SS. Messe telefonare alla Chiesa.
Gli orari possono subire cambiamenti. Si suggerisce di verificare contattando la chiesa o visitando il sito: www.confraternita-sgbg.it/

Per i gruppi la chiesa è visitabile solo su richiesta via fax o via e-mail.

Gli orari possono subire cambiamenti. Si suggerisce di verificare contattando la chiesa

Descrizione

La chiesa di San Giovanni Battista dei genovesi deve il suo nome al fatto che i marinai genovesi solevano riposare nel vicino ospizio, una volta sbarcati nel vicino porto di Ripa Grande. Fu eretta nel 1481 e ristrutturata quasi completamente nel 1864. L'interno della chiesa si presenta a una navata in cui le sole parti antiche, oggi presenti, sono il tabernacolo rinascimentale degli "Oli Santi", maniera di Andrea Bregno e l' "Apparizione della Madonna" di Giovanni Odazi.

Gran parte della notorietà della chiesa si deve al chiostro attiguo, attribuito a Baccio Pontelli, architetto di Sisto IV. Questo è il migliore esempio di chiostro quattrocentesco: il portico ad archi e la loggia architravata hanno pilastri ottagonali di travertino, caratteristici della architettura del tempo di papa Sisto IV. Il chiostro abbraccia un silenzioso “frutteto-giardino”, con alberi di melangoli, limoni e mandarini, con siepi di mirto, piante di acanto e rose rampicanti che incorniciano il pozzo di travertino, della fine del sec. XV, fiancheggiato da due colonne ioniche, che sorge nel centro del giardino.

Vedi anche

Cultura e svago › Beni culturali › Beni architettonici e storici
Data di ultima verifica: 11/01/18 10:25