060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Luoghi di culto di interesse storico-artistico » Chiese cattoliche » Chiesa di Sant'Onofrio al Gianicolo
Tipologia: Chiesa non parrocchiale

Indirizzo

Indirizzo: Piazza di Sant'Onofrio, 2
Zona: Rione Trastevere (Gianicolo) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Contatti

Telefono: +39 06 6864498
Fax: +39 06 6893404

Orario

Lun-ven e dom ore 9.00 - 13.00; 15.00 - 18.00
Chiuso sabato e tutto agosto
Durante le celebrazioni non è consentito visitare la Chiesa.
Per gli orari delle SS. Messe telefonare alla Chiesa.
Gli orari possono subire cambiamenti. Si suggerisce di verificare contattando la chiesa

Descrizione

La chiesa di Sant'Onofrio al Gianicolo fu edificata durante la seconda metà del '400. La sua origine è dovuta a Nicolò da Forca Polena che si trasferì, nel 1419, sul Monte Ventoso (parte del Gianicolo), dove comprò una vigna e venne fabbricato il convento e la Chiesa di Sant'Onofrio. 
La chiesa presenta un grazioso portico ad arcate, con fusti di colonne ed alcuni capitelli antichi. Sopra la porta d'ingresso si trova la lunetta con la "Madonna ed il Bambino", affresco di Claudio Ridolfi (1600), insieme ad altri magnifici affreschi del Domenichino. L'interno è piuttosto buio ed ha una sola navata con volte a crociera, fiancheggiata da colonne e terminante in abside, tutta decorata da affreschi del Domenichino e di altri importanti artisti. Vi si trova il monumento a Tasso ed il museo con le sue memorie. Presenta una fontana dell'800.

Annesso alla chiesa si trova il convento con lo splendido chiostro del XV secolo abbellito da numerose lunette in cui è illustrata la storia di Sant’Onofrio eremita, opera di Strada, Ridolfi e del Cavalier d’Arpino. Come narrato dagli affreschi, Onofrio si ritirò a vivere da eremita e quando gli abiti del Santo furono troppo logori e si ridussero a brandelli, un miracolo divino fece crescere i capelli ad Onofrio in modo che lo proteggessero dal freddo. Questo miracolo è il motivo per cui Sant’Onofrio è il patrono dei tessitori.
Oggi la chiesa e il convento sono affidati ai Frati Francescani dell’Atonement.

Per saperne di più

Cultura e svago › Beni culturali › Musei
Data di ultima verifica: 22/10/18 09:38