060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Luoghi di culto di interesse storico-artistico » Chiese cattoliche » Basilica San Clemente al Laterano
Tipologia: Basilica minore, Chiesa non parrocchiale

Indirizzo

Indirizzo: Via Labicana, 95
Zona: Rione Monti (Colosseo-S.Giovanni-S.Maria Maggiore) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Contatti

Telefono: +39 06 7740021
Fax: +39 06 77400201
Twitter: twitter.com/SanClementeRoma

Orario

Giorni feriali ore 9.00-12.30 / 15.00-18.00 
Domenica e festivi ore 12.00-18.00
Ultimo ingresso 20 minuti prima

Orario Messe
Feriali: ore 8.00 e 18.30
Il sabato, la Santa Messa è celebrata nel rito Domenicano alle ore 09.30 (ottobre a giugno)
La domenica e i giorni di precetto, la Santa Messa è celebrata alle ore 18.30 (vigilia), 09.00, e 11.00
Confessioni nelle lingue inglese ed italiano prima di ogni Messa domenicale.
Per tutto il mese di Agosto non si celebra la Messa vespertina.
Durante le celebrazioni non è consentito visitare la Chiesa.
Gli orari possono subire cambiamenti. Si suggerisce di verificare contattando la chiesa

Visita agli scavi sotterranei
Per visitare gli scavi occorre acquistare il biglietto

Eventi in programma

Descrizione

La basilica di San Clemente in Laterano è una delle più interessanti e antiche basiliche di Roma, eretta prima del 385 e dedicata a San Clemente, il terzo papa dopo San Pietro.
Si compone di due chiese sovrapposte, sorte sopra costruzioni romane dell'età repubblicana e sui resti di un tempio del dio Mitra.
La chiesa inferiore fu sede di vari concili durante il V secolo, restaurata  nell'VIII e IX secolo e distrutta in seguito all'invasione di Roberto il Giuiscardo (1084). Nel 1108 il papa Pasquale II edificò sulle sue rovine la chiesa superiore, ristrutturata durante il pontificato di Clemente XI da Carlo Fontana. L'architetto realizzò la modesta facciata barocca utilizzando per il portico ad arcate le antiche colonne di granito.
Sul lato sinistro della facciata si trova il campanile, nello stesso stile barocco, realizzato intorno tra la fine del XVII e l'inizio del XVIII secolo. In precedenza era situato sul lato opposto.
L'interno della basilica, sebbene abbia subito notevoli alterazioni a causa del rimodernamento operato dal Fontana, conserva ancora l'aspetto tipico dell'antica basilica romana: è divisa, infatti, in tre navate da colonne romane di di marmo e granito con capitelli ionici. Nell'abside centrale è conservato il meraviglioso mosaico, con al centro Cristo in croce tra la Vergine e San Giovanni Evangelista. In esso, la croce, sulla quale si trovano dodici colombe a rappresentare gli apostoli, è rappresentata come arbor vitae, sorgente da un cespo di acanto, tra i cui girali si trovano figure di animali e uomini. Al di sotto del mosaico è un affresco con gli Apostoli, risalente al XIV.
Il pavimento intarsiato di marmi policromi è un esempio molto bello di stile cosmatesco.
La basilica inferiore conserva una importante testimonianza anche per lo studio della lingua italiana. Si tratta dell’affresco della “Leggenda di Sisinno”, databile tra il 1084 e il 1100, che narra un miracolo di San Clemente. L'affresco rappresenta una scena in cui tre servi, arringati dal loro padrone, il patrizio Sisinno che vuole punire Clemente per aver convertito al cristianesimo la propria moglie Teodora, cercano di trascinare Clemente in catene. In realtà i tre, colpiti da una momentanea cecità, non si rendono conto che stanno trascinando solo una pesante colonna di pietra mentre Clemete è libero. 
Nell’affresco, che alcuni studiosi hanno paragonato a un antenato del fumetto, le parole in volgare sono pronunciate da Sisinno; la morale conclusiva di Clemente è in latino. Un particolare di rilievo, sia dal punto di vista linguistico che da quello sociale. Si intravede, infatti, il germe della distinzione tra lingua latina, utilizzata da uomini di Chiesa, e il volgare adoperato dai ceti popolari.
La chiesa è officiata dai Padri Domenicani irlandesi.

Per saperne di più

Cultura e svago › Itinerari
Cultura e svago › Beni culturali › Beni archeologici
Data di ultima verifica: 15/02/19 12:39