060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Luoghi di culto di interesse storico-artistico » Chiese cattoliche » Basilica di Santa Maria in Aracoeli
Tipologia: Basilica minore

Indirizzi

Indirizzo: Scala dell'Arce Capitolina, 14
Zona: Rione Campitelli (Foro Romano- Campidoglio-P.Venezia) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza
Indirizzo: Piazza del Campidoglio
Zona: Rione Campitelli (Foro Romano- Campidoglio-P.Venezia) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza
Ingresso laterale della chiesa

Contatti

Telefono: +39 06 69763837 - 39

Orario

Da maggio a settembre dalle ore 9.00 alle 18.30;
Da ottobre ad aprile dalle ore 9.30 alle 17.30.

Ufficio Matrimoni
Da maggio a settembre dalle ore 9.00 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.30;
Da ottobre ad aprile dalle ore 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17.30.

Orario Messe
Festivi: ore 8.00-12.00
Feriali: ore 8.00

Gli orari possono subire cambiamenti. Si suggerisce di verificare contattando la chiesa

Durante la celebrazione della Santa Messa non è possibile visitare la chiesa.

Descrizione

Eretta sulle rovine del Tempio di Giunone Moneta nel VI secolo, la chiesa sorge sulla cima più alta del Campidoglio. Il suo nome trae origine da una leggenda secondo la quale una sibilla avrebbe predetto ad Augusto la venuta del figlio di Dio dicendo "Haec est ara filii Dei": da qui il nome di Ara Coeli.

Già esistente nel VII secolo, divenne intorno all'anno mille abbazia benedettina per passare successivamente ai frati minori, che tuttora la officiano. Questi ne iniziarono la ricostruzione secondo gli stili romanico e gotico. Nel medioevo assunse un ruolo assai rilevante poiché vi si radunavano i consiglieri per discutere della "Res Publica". Vi era conservato il bambino di legno di olivo di Getsemani.

La scalinata di 124 gradini di marmo venne costruita nel XIII secolo secondo la leggenda come ringraziamento per la fine della peste. La sua realizzazione si deve alla volontà del tribuno Cola di Rienzo che, trasformatosi in tiranno, da qui parlava alla folla.

Nel XVII secolo i forestieri solevano dormire sulla scalinata, fin quando il principe Caffarelli non li scacciò facendo rotolare sulle scale delle botti piene di pietre.

Dalla cima si gode un bel panorama di Roma con le cupole di Sant'Andrea della Valle e di San Pietro.

La chiesa è certificata HERITY www.herity.it/33596-a.html

Vedi anche

Cultura e svago › Beni culturali › Beni architettonici e storici
Data di ultima verifica: 13/02/18 10:46