060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Istituzioni culturali » Biblioteche » Biblioteca Romana Sarti
Tipologia: Comunale

Indirizzo

Indirizzo: Piazza dell'Accademia di San Luca, 77
Zona: Rione Trevi (Quirinale-Tritone-Barberini) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Contatti

Orario

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 14.00

 

Informazioni

Modalità di partecipazione: Ingresso libero

Descrizione

La Biblioteca Romana Sarti fu inaugurata il 21 aprile del 1881 per volontà dell'architetto Antonio Sarti da Budrio, Presidente della Accademia dal 1860 al 1863, che volle offrire alla cittadinanza la propria raccolta di libri rendendola patrimonio del Comune di Roma e affidandone la tutela perpetua alla stessa Accademia di San Luca. Fu istituita così una prima biblioteca pubblica a Roma, recente Capitale d’Italia, prefigurandone una apertura libera che anticipava genialmente un concetto di “pubblico” definito e affermato  soltanto verso la fine del Novecento. La raccolta è lo specchio fedele degli interessi variegati e raffinati del Sarti, e ne riflette chiaramente l’animo d’artista e di erudito mosso dalla passione del ricercatore. Tutto il fondo originario, circa 10.000 volumi, si denota per il pregio e la ricercatezza dei testi a stampa e manoscritti, con un nucleo di opere antiche dal XVI al XIX secolo concernenti lo studio dell'arte, dell'architettura, dell'archeologia, le antichità classiche, le vite di uomini illustri, le storie di città e paesi d'Italia. Lo stesso Sarti ha lasciato alla Biblioteca un pregevole album di incisioni di proprio pugno che raffigurano gli interni delle maggiori basiliche romane, a fronte dei relativi disegni preparatori. Di grande rilievo è anche un corpo di circa 200 titoli di opere provenienti dalla raccolta del suo maestro, Raffaele Stern, che il Sarti recuperò a sue spese da una vendita all’asta del 1824, tutte “rarissime” già all’epoca, come si volle definirle. Suggestivi anche i quattro album di schizzi a china e acquerelli del pittore Carlo Labruzzi, attivo tra Settecento e Ottocento, che nelle immagini ricreano un viaggio d'altri tempi lungo l’antica Via Appia, dalle porte di Roma fino a Benevento, tra ruderi romani e scorci di vedute campestri. Tra i fondi speciali, quello dell’archeologo Giuseppe Lugli, che annovera testi sulla materia con approfondimenti di topografia romana e le note manoscritte del suo archivio privato. Oggi la Romana Sarti, all'interno dell'Amministrazione capitolina, fa parte dell’Istituzione Biblioteche di Roma (www.bibliotechediroma.it) che coordina e gestisce il circuito comunale delle biblioteche di pubblica lettura.

Servizi

» Biblioteca
» Consultazione
» Sala lettura

Per saperne di più

Cultura e svago › Istituzioni culturali › Accademie e istituti
Data di ultima verifica: 03/09/19 11:19