060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Beni culturali » Musei » Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia
Tipologia: Museo archeologico, Museo statale

Indirizzo

Indirizzo: Piazzale di Villa Giulia, 9
Zona: Quartiere Pinciano (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Contatti

Telefono: +39 06 3226571 - 06 3201706
Fax: +39 06 3202010
Sito web: http://www.polomusealelazio.beniculturali.it/index.php?it/231/museo-nazionale-etrusco-di-villa-giulia
Acquisto online: www.tosc.it

Orario

Mar-dom ore 8.30-19.30
Chiuso lunedì, 25 dicembre, 1 gennaio

La biglietteria chiude un'ora prima

Quando il lunedì, giorno di chiusura, coincide con una festività (es. lunedì dell'Angelo, Ferragosto) il Museo rimane aperto
-------------------------------------------------------------

Prima domenica di ogni mese: ingresso al museo gratuito per tutti. Le mostre temporanee potrebbero invece seguire la consueta tariffazione (consultare la scheda della mostra).

-----------------------------------------------------------

Informazioni

Intero: € 8,00
Ridotto: € 4,00

Riduzioni
- cittadini di età compresa tra i 18 e i 25 anni compiuti della Unione Europea
- docenti dell'Unione Europea con incarico a tempo indeterminato delle scuole statali.

Gratuito:
-prima domenica del mese
-cittadini sotto i 18 anni (non compiuti) di ogni nazionalità
-Guide turistiche UE
-Interpreti turistici UE nell'esercizio della propria attività professionale
-Membri di ICOM e ICCROM
-Gruppi di studenti delle scuole pubbliche/private della UE accompagnati dagli insegnanti, su prenotazione
-Docenti e studenti UE delle facoltà di Architettura, Lettere, Beni Culturali, Scienze della Formazione, Archeologia, Storia dell'Arte, Accademie di Belle Arti. Il biglietto è rilasciato mediante esibizione del certificato d'iscrizione per l'anno accademico in corso.
-Studenti Socrates ed Erasmus delle sopraindicate discipline
-Studenti di: Istituto Centrale del Restauro, Opificio delle Pietre Dure, Scuola per il Restauro del Mosaico
-Gruppi e/o Autorità autorizzati dalla S.A.R.
-Dipendenti del Ministero per i Beni Culturali
-Giornalisti iscritti all'albo nazionale o di altro Paese
-Docenti di Storia dell'Arte degli Istituti liceali
-Cittadini UE portatori di handicap ed un loro familiare o accompagnatore appartenente ai servizi di assistenza socio-sanitaria
-Operatori delle associazioni di volontariato che svolgano, in base alle convenzioni in essere stipulate con il Ministero attività di promozione e diffusione della conoscenza dei beni
-Personale docente della scuola di ruolo con incarico a termine per l’anno 2014 (progetto sperimentale 2014). Presentare in biglietteria l'apposito modello predisposto dalle istituzioni scolastiche
-Docenti italiani con incarico a tempo indeterminato delle scuole statali (D.M. 19 febbraio 2014). Sperimentazione per l’anno 2014. Presentare un documento di riconoscimento e attestazione scuola.

Convenzionato con

Roma Pass
Cosa offre:

Roma Pass: biglietto gratuito se uno dei primi due ingressi/ridotto dal terzo ingresso in poi

Eventi di oggi

Eventi in programma

Descrizione

Ha sede nella splendida villa rinascimentale di Papa Giulio III, costruita tra 1550 e 1555, articolata su due cortili separati da un ninfeo. Si tratta di una classica villa suburbana alla cui realizzazione parteciparono architetti di fama come Giorgio Vasari, Jacopo Barozzi da Vignola e Bartolomeo Ammannati.

Destinata a sede museale dal 1889, è oggi uno dei più rappresentativi musei dell’arte etrusca. Ospita reperti provenienti in particolare dall’Etruria meridionale, ossia dal territorio corrispondente all’Alto Lazio, tra il Tevere e il Mare Tirreno, luogo estremamente ricco di testimonianze di varie epoche e di varie civiltà (etrusca, greca, fenicia, falisca), essendo un punto di incontro naturale, crocevia di traffico lungo le principali rotte di comunicazione del Mediterraneo centrale.

I reperti sono esposti secondo un criterio topografico a cominciare dai contesti di Vulci, Bisenzio, Veio, Cerveteri. Tra le opere più note si segnalano i bronzi da Vulci, la decorazione in terracotta dal Santuario di Portonaccio a Veio, tra cui il famoso Apollo (VI sec. a.C.), il Sarcofago degli Sposi da Cerveteri.

Le collezioni private sono invece organizzate secondo un criterio tipologico. Di notevole rilevanza tra queste ultime si segnalano la collezione Barberini, la collezione Pesciotti e la collezione Castellani, che comprende alcuni gioielli estremamente significativi per lo studio dell’oreficeria etrusca, databili prevalentemente tra VII sec. a.C. e l’epoca medievale, oltre a riproduzione fatte eseguire dagli stessi Castellani su modelli antichi.

Di grande interesse la sezione falisco-capenate, che ospita materiali provenienti dai centri della media valle del Tevere quali Corchiano, Vignanello, Nepi, Narce e in particolare Falerii Veteres (Civita Castellana) con le sculture in terracotta, trale quali lo straordinario Apollo dello Scasato, provenienti dalle decorazioni dei santuari della zona.

Una installazione virtuale interattiva, realizzata dal CNR ITABC in collaborazione con la Soprintendenza grazie ad un finanziamento Arcus Spa, è inoltre dedicata alla Valle del Tevere.

Il Museo propone numerosi itinerari di visita che rendono possibile ammirare anche gli ambienti sotterranei della Villa come il ninfeo, i resti dell’acquedotto Vergine (età augustea) e la “neviera” di papa Giulio III.

Attività didattiche

Per info e visite guidate:
Coop. Arte in Gioco:  
Tel. 06 44239949 - cell. 333.9533862
Fax 06 44261289
La Prenotazione per gruppi e scuole è obbligatoria (visita guidata a pagamento per le scuole) 

Servizi

» Audioguida
» Bar
» Guardaroba
» Libreria
» Visite guidate

Vedi anche

Cultura e svago › Itinerari
Cultura e svago › Beni culturali › Beni archeologici
Cultura e svago › Beni culturali › Beni architettonici e storici

Per saperne di più

Cultura e svago › Verde › Giardini, ville e parchi urbani
Data di ultima verifica: 23/09/16 09:50