060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Beni culturali » Musei » Musei di Villa Torlonia - Serra Moresca
Tipologia: Edifici

Indirizzo

Indirizzo: Via Nomentana, 70
Zona: Quartiere Nomentano (Roma nord)

Contatti

Orario

dal 8 dicembre 2021 fino al 31 marzo 2022:
Dal martedì alla domenica ore 10.00-16.00 (ultimo ingresso alle ore 15.20)
dal 1 aprile e fino al 30 settembre 2022:
Dal martedì alla domenica ore 10.00-19.00 (ultimo ingresso alle ore 18.20)

Giorni di chiusura

Lunedì, 1 maggio, 25 dicembre, 1 gennaio
Chiuso i mesi di luglio e agosto

Libreria
Punto vendita all'interno della Serra Moresca vendita dedicato alla botanica, al verde, ai giardini storici
Sconto del 10% per i possessori della MIC card e della Lazio Youth Card
Offerta non valida per cataloghi di mostra e non cumulabile con altre promozioni in corso
Segue > l'orario di apertura della Serra Moresca

Accessibilità
La Serra Moresca è accessibile ai disabili.
N.b. Per accedere nel giardino retrostante è necessario uscire dalla Serra e accedere dal cancello sul retro.

Accesso con animali
È permesso l'accesso con cani di piccola taglia solo con il trasportino.

Informazioni

Acquisto presso la biglietteria della Serra Moresca o del Casino Nobile (in contanti o con carta di credito, senza diritto di prevendita) per il giorno stesso (fino ad esaurimento posti):
4,00 € intero
3,00 € ridotto
Gratuito con la MIC card

Preacquisto fortemente consigliato (Biglietto o MIC card)
Ingresso senza preacquisto consentito fino ad esaurimento posti
Possessori MIC card e aventi diritto alla gratuità: prenotazione 060608
, con supplemento di € 1,00

La Serra Moresca è inserita nel circuito dei Musei di Villa Torlonia

Eventi in programma

Descrizione

Dopo articolati e complessi interventi di restauro, dall’8 dicembre sono visitabili gli spazi in un percorso che dalla Serra conduce fino alla Grotta artificiale.

L’architettura ispirata all’Alhambra di Granada. La Serra concepita per ospitare piante esotiche e rare ma anche come scenario per eventi. Una grotta artificiale ad avvolgere rivoli d’acqua e laghetti, per destare la meraviglia nel pubblico. Storia, natura e suggestioni lontane, dialogano nel complesso della Serra Moresca che apre per la prima volta al pubblico dall’8 dicembre dopo un lungo lavoro di restauro condotto dalla Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.

Progettato intorno al 1839 dall’architetto veneto Giuseppe Jappelli, il complesso della Serra Moresca di Villa Torlonia torna alla sua originaria bellezza dopo due fasi di restauro. La prima, tra il 2007 e il 2013, ha riguardato il recupero dell’edificio da una condizione di fortissimo degrado, con un ripristino fedele dell’assetto originario, sia nella parte strutturale che in quella decorativa. Nella seconda fase, da poco conclusa, oltre a ulteriori interventi conservativi sulla Serra, si è invece provveduto all’allestimento e messa in esercizio dell’intero complesso come spazio museale.
Progettati dall’architetto Maria Cristina Tullio, questi ultimi lavori sono stati effettuati sotto la direzione tecnico-scientifica della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali ed eseguiti da Zètema Progetto Cultura.

Basato su uno studio accurato della documentazione grafica e fotografica e sulle descrizioni dei luoghi di Giuseppe Checchetelli, l’allestimento odierno della Serra Moresca ne mette in risalto le caratteristiche architettoniche originarie, di grande suggestione e rilevanza storica. La visita inizia dalla Serra, stupefacente padiglione da giardino con una struttura in peperino, ghisa e vetrate policrome che fanno da cornice alla fontana interna, oggi di nuovo attiva, e a una raccolta di Palme, Agavi, Ananas e Aloe, piante e specie arboree compatibili con la vocazione originaria dell’ambiente.
Si prosegue attraverso la Grotta artificiale pensata come il luogo della Ninfa (Nymphae Loci), con i suoi resti splendidamente illuminati, le cascatelle e i laghetti dove oggi tornano a vivere ninfee e fiori di loto.
È uno scenario storico naturalistico da ammirare lungo il percorso di visita insieme alla vista, dal basso, della Torre, imponente costruzione caratterizzata da ampie finestre con intelaiature in ghisa e vetri colorati che nascondono, all’interno, pareti riccamente decorate da stucchi policromi.

Un’ampia programmazione didattica è a disposizione dei cittadini con visite guidate per gruppi e attività rivolte alle scuole di ogni ordine e grado, sia di Roma e Città Metropolitana che di tutto il territorio nazionale. Lo spazio interno della Serra e quello esterno adiacente possono inoltre ospitare mostre, fiere tematiche e altri tipi di eventi culturali, così come è possibile organizzare attività laboratoriali o piccoli spettacoli d’intrattenimento nell’area adiacente, all’aperto, nella Grotta.

Parole chiave

All'interno di

Cultura e svago › Beni culturali › Musei

Sistema Museale

Cultura e svago › Beni culturali › Musei

Nell'ambito di

Cultura e svago › Verde › Giardini, ville e parchi urbani

Convenzionato con

Accoglienza › Servizi › Servizi turistici

Vedi anche

Cultura e svago › Beni culturali › Musei
Cultura e svago › Beni culturali › Musei
Cultura e svago › Beni culturali › Musei
Data di ultima verifica: 03/12/21 10:18