060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Beni culturali » Musei » ETRU - Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia
Tipologia: Museo archeologico, Museo statale

Indirizzo

Indirizzo: Piazzale di Villa Giulia, 9
Zona: Quartiere Pinciano (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Contatti

Orario

Sede di Villa Giulia
Dal martedì alla domenica dalle ore 9.00 alle 20.00 (ultimo ingresso ore 19.00)
La sala degli Ori Castellani apre alle ore 10.00
Chiuso lunedì, 25 dicembre, 1 gennaio

Quando il lunedì, giorno di chiusura, coincide con una festività (es. Lunedì dell'Angelo, Ferragosto) il museo rimane aperto.

Sede di Villa Poniatowski
Venerdì e sabato dalle ore 10.00 alle 13.00
Ultimo ingresso ore 12.15

Alcune sale possono essere soggette a chiusure temporanee o a limitazioni degli orari di visita.
La prima domenica del mese, la sala degli Ori Castellani è chiusa al pubblico.

Informazioni

Biglietto unico per le due sedi

Intero € 10,00
Ridotto € 2,00
per i cittadini di età compresa tra i 18 e i 25 anni compiuti dell'Unione Europea

Prossime giornate ad ingresso gratuito:
5 gennaio 2020 (prima domenica del mese)
2 febbraio 2020 (prima domenica del mese)
1 marzo 2020 (prima domenica del mese)
Info e aggiornamenti su: http://iovadoalmuseo.beniculturali.it/

Altre condizioni di gratuità

- ai minori extracomunitari 
- ai cittadini dell'Unione Europea, sotto i 18;
- ai portatori di handicap e ad un loro familiare o ad altro accompagnatore che dimostri la propria appartenenza a servizi di assistenza socio-sanitaria;
- ai cittadini di Paesi non comunitari a "condizione di reciprocità" (i minori di 12 anni devono essere accompagnati);
- alle guide turistiche dell'Unione europea nell'esercizio della propria attività professionale, mediante esibizione di valida licenza rilasciata dalla competente autorità;
- agli interpreti turistici dell'Unione europea quando occorra la loro opera a fianco della guida,  mediante esibizione di valida licenza rilasciata dalla competente autorità;
- al personale del Ministero;
- ai membri dell'I.C.O.M. (International Council of Museums);
- a gruppi o comitive di studenti delle scuole pubbliche e private dell'Unione Europea, accompagnati dai loro insegnanti, previa prenotazione e nel contingente stabilito dal capo dell'istituto;
- agli allievi dei corsi di alta formazione delle Scuole del Ministero (Istituto Centrale per il Restauro, Opificio delle Pietre Dure, Scuola per il Restauro del Mosaico);
- ai docenti ed agli studenti iscritti alle accademie di belle arti o a corrispondenti istituti dell'Unione Europea, mediante esibizione del certificato di iscrizione per l'anno accademico in corso;
- ai docenti ed agli studenti dei corsi di laurea, laurea specialistica o perfezionamento post-universitario e dottorati di ricerca delle seguenti facoltà: architettura, conservazione dei beni culturali, scienze della formazione o lettere e filosofia con indirizzo archeologico o storico-artistico. Le medesime agevolazioni sono consentite a docenti e studenti di facoltà o corsi corrispondenti, istituiti negli Stati dell'Unione Europea. L'ingresso gratuito è consentito agli studenti mediante esibizione del certificato di iscrizione per l'anno accademico in corso, ai docenti mediante esibizione di idoneo documento;
- ai docenti di storia dell'arte di istituti liceali, mediante esibizione di idoneo documento;
- ai giornalisti in regola con il pagamento delle quote associative, mediante esibizione di idoneo documento comprovante l'attività professionale svolta (vedi DD del 7/09/2016 DG-Musei);
- per motivi di studio, ricerca attestate da Istituzioni scolastiche o universitarie, da accademie, da istituti di ricerca e di cultura italiani o stranieri, nonchè da organi del Ministero, ovvero per particolari e motivate esigenze i Capi degli Istituti possono consentire l'ingresso gratuito nelle sedi espositive di propria competenza e per periodi determinati a coloro che ne facciano richiesta;
- alle guide turistiche dell'Unione europea, munite di licenza. (vedi circolare n.20/2016 DG-Musei)
- al personale docente di ruolo o con contratto a termine della scuola italiana è consentito l'ingresso gratuito ai musei, alle aree e parchi archeologici ed ai complessi monumentali dello Stato. Il MiBAC ha aderito all'iniziativa per quanto riguarda l'accesso agli spazi in cui sono allestite mostre o esposizioni temporanee con percorso espositivo separato dall'ordinario percorso di visita. Di conseguenza, gli aventi diritto potranno accedere a tali spazi a pagamento, usufruendo dei buoni di spesa, generabili tramite un'applicazione informatica (https://cartadeldocente.istruzione.it/#/)

Speciale Abbonamento
Abbonamento per ingressi illimitati da 3 mesi (intero € 12,00; ridotto: € 6,00), 6 mesi (intero € 16,00; ridotto: € 8,00); 12 mesi (intero € 24,00; ridotto: € 12,00).
Ingressi illimitati al Museo, ai giardini e, nei giorni di apertura, agli spazi espositivi di Villa Poniatowski per tutta la durata dell'abbonamento, a partire dalla data di acquisto, per una durata di 3, 6 o 12 mesi.

Dal 17 ottobre 2019 all’8 marzo 2020, in occasione della mostra Della materia spirituale dell’arte in programma al MAXXI, per i possessori di un biglietto del Museo Nazionale Etrusco, l’accesso al MAXXI sarà di 9€ anziché 12€. Per i possessori del biglietto del MAXXI, il costo del biglietto intero al Museo Nazionale Etrusco sarà di 7€ anziché di 10€.

Carta dei servizi  qui

Convenzionato con

Roma Pass
Cosa offre:

Roma Pass: il sito fa parte del circuito

Prenotazione

» Obbligatoria per gruppi

Eventi di oggi

#IoVadoAlMuseo (Manifestazioni) a partire da 28/02/19

Eventi in programma

Descrizione

ETRU Museo Nazionale Etrusco è ospitato in due ville rinascimentali

VILLA GIULIA
Edificata da papa Giulio III, Giovanni Maria Ciocchi del Monte, tra il 1550 e il 1555, Villa Giulia è uno splendido esempio di villa rinascimentale, dotata di un giardino architettonico con terrazze collegate da scalinate scenografiche, ninfei e fontane.
Alla progettazione della Villa partecipano i più grandi artisti dell’epoca, Jacopo Barozzi da Vignola, Bartolomeo Ammannati, Giorgio Vasari e Michelangelo Buonarroti, mentre parte dell’apparato decorativo è opera di Taddeo Zuccari e Prospero Fontana.
L’emiciclo è decorato con delicati interventi pittorici ispirati alle grottesche della Domus Aurea. Le sale accolgono uno straordinario ciclo di affreschi con le raffigurazioni dei Sette Colli di Roma.
Nel 1889, la Villa diviene sede del Museo Nazionale Etrusco.

VILLA PONIATOWSKI
La Villa, inaugurata nel 2012, è la seconda sede di ETRU. Le sue sale ospitano i reperti provenienti dal Latium Vetus e dall'Umbria. È in corso il restauro di un'ampia area destinata a esposizioni temporanee.
 
Giuseppe Valadier la trasforma in villa agli inizi dell’Ottocento su incarico di Stanislao Poniatowski, nipote dell'ultimo re di Polonia. Con l’affaccio principale sulla via Flaminia, è abbellita da vasche e fontane, mentre l'ampio giardino formato da terrazze a gradoni è ornato da sculture antiche.
 
I lavori di restauro del 1997 hanno portato a numerose scoperte: è venuto alla luce in quell’occasione il primo impianto cinquecentesco della Villa, con i resti di due fontane, arredi di vasche e fontane, cicli pittorici e decorativi.

Attività didattiche

Visite guidate per gruppi e scuole
Su prenotazione, ETRU organizza visite guidate. Le visite, a cura di ArteInGioco, sono a pagamento e sono condotte in italiano, inglese, francese, spagnolo e tedesco.
Per i gruppi scolastici e i gruppi di adulti numerosi è obbligatoria la prenotazione gratuita, anche nel caso di guida propria, per evitare sovraffollamenti e garantire un migliore godimento della visita: per prenotare rivolgersi a 068803562, 3339533862, arteingioco@libero.it

Servizi

» Audioguida
» Bar
» Guardaroba
» Libreria
» Visite guidate

Convenzionato con

Accoglienza › Servizi › Servizi per animali

Per saperne di più

Cultura e svago › Verde › Giardini, ville e parchi urbani

Vedi anche

Cultura e svago › Beni culturali › Beni architettonici e storici
Cultura e svago › Beni culturali › Beni archeologici
Data di ultima verifica: 11/12/19 10:19